03-07-2022 ore 11:42 | Politica - Roma
di Ilaria Bosi

'Superbonus, si sblocca la cessione del credito'. Degli Angeli, 'è merito del Movimento 5 stelle'

“Grazie alla lotta del Movimento 5 Stelle a Roma, la Commissione bilancio e finanze, dopo aver lavorato tutto ieri fino a tarda notte del 2 luglio, ha approvato la misura che consente di cedere il credito anche alle imprese. Grazie al lavoro del M5s, per il Superbonus è stata sbloccata la cessione del credito. Per il consigliere Marco Degli Angeli “è un importante risultato considerando che, finora questa manovra ha consentito investimenti per oltre 30 miliardi di euro e ha generato più di 450 mila posti di lavoro. Soprattutto ha ridotto i consumi energetici e sta proiettando il Paese verso la decarbonizzazione”. La notizia di stretta attualità segue quanto accaduto nei giorni scorsi in Lombardia. Con 56 voti favorevoli il consiglio regionale aveva approvato la mozione urgente del Movimento cinque stelle per aprire un’interlocuzione col governo. Ora, prosegue il consigliere regionale cermasco "viene portato ossigeno alle imprese che rischiano di restare soffocate dalle decisioni sbagliate prese a livello centrale”.

 

Sacrificate le imprese

“La sensazione diffusa – prosegue il consigliere cremasco - è che una parte del governo, pur di affossare il Superbonus 110%, abbia pensato di sacrificare le imprese e i loro dipendenti. La misura introdotta dal Movimento cinque stelle, grazie al meccanismo di cessione dei crediti fiscali, aveva permesso al settore edilizio di ripartire ed essere trainante per la ripresa economica post pandemia. Alla regione chiediamo di farsi parte attiva e chiedere al governo di intervenire per rimuovere gli ostacoli, sbloccando la cessione dei crediti e consentire la ripresa di quel meccanismo che aveva permesso, lo scorso anno, di segnare un +6.6% di incremento per il prodotto interno lordo”.

 

La norma nel Decreto aiuti

Concretamente, “va introdotta una norma ad hoc nel Decreto aiuti, al fine di garantire la liquidità alle imprese, scongiurando così una grave e devastante crisi nel settore edilizio. Dopodiché si dovrà valutare in quale modalità rendere la misura strutturale. Per ora siamo soddisfatti che quanto il Movimento cinque stelle avverta come urgenza, sia condiviso anche da tutte le forze politiche presenti in consiglio regionale”.

4235