31-03-2021 ore 15:28 | Economia - Cremona
di Claudia Cerioli

Trasporti. Benhalla: ‘scioperi per il rinnovo del contratto e richiesta di vaccini immediati’

La Filt Cgil Milano & Lombardia, Fit Cisl e dalla Uiltrasporti ieri hanno dato vita ad un presidio e uno sciopero della logistica, del trasporto merci, spedizioni e cooperative presso il centro Gls di Cremona. Come spiega il referente sindacale Mohamed Benhalla l'obiettivo è "la ripresa delle trattative, ferme ormai da due anni, per il rinnovo del contratto collettivo dei lavoratori. Nonostante la pandemia mondiale, il settore della logistica non si è mai fermato". Per questo i sindacati non hanno mai interrotto le trattative. L’associazione datoriale Fedit (federazione Italiana Trasportatori) si dichiara disponibile a rinnovare il contratto con 100 euro di aumento in tre anni e 200 euro una tantum. “Fedit era seduta al tavolo insieme alle altre 25 associazioni datoriali e non ha mai espresso la volontà di accogliere le richieste del sindacato a partire da un rialzo sulla disponibilità economica. Sul contratto di lavoro nazionale è stato chiesto ai lavoratori ancora più flessibilità negli orari, meno tutele e riduzione dei salari. I sindacati hanno chiesto una migliore qualificazione del lavoro nel settore della cooperazione, anche mediante tavoli di confronto dedicati".

 

Categorie a rischio

Sul versante vaccini è stato sollecitato il governo a definire una campagna vaccinale a breve termine per questa categoria di lavoratori. Con l'aumento delle dosi di vaccino si è iniziato a sottoporre alla somministrazione le categorie appartenenti ai servizi essenziali, come gli insegnanti e il personale scolastico, le forze dell'ordine, il personale delle carceri e dei luoghi di comunità. Sono stati esclusi le lavoratrici e i lavoratori dei trasporti nonostante siano continuamente esposti al rischio di contagio, talvolta anche con scarsi o non adeguati dispositivi di prevenzione individuale, per garantire gli approvvigionamenti e la mobilità delle persone. Rete Ferroviaria Italiana ha dato disponibilità, con i propri operatori sanitari e sociosanitari, a supportare il servizio sanitario nazionale nella vaccinazione dei suoi operatori in un momento così delicato per la popolazione italiana.

790
speciale coronavirus la situazione del coronavirus in italia la situazione del coronavirus nel cremasco
Oggi al cinema
Eventi del giorno
libera associazione artigiani confartigianato

polocosmesi