27-05-2024 ore 20:16 | Economia - Fiere
di Annamaria Carioni

Grazie al sole, musica e buon cibo, la decima edizione di Ombrianville è un grande successo

Ombriano è il quartiere più popoloso della città, attraversato da due delle arterie a traffico più intenso e naturalmente proteso verso le direttrici di Lodi e soprattutto di Milano. E' un quartiere tagliato in due da Viale Europa e delimitato da un lato dalla cosiddetta tangenzialina e dall'altro da Via Milano, lungo cui si snoda la zona artigianale. Fino al 1928 Comune a sé stante, sembra continuare a rivendicare la sua operosa autonomia: in questa zona sono presenti i tre ordini di scuola ovvero infanzia, primaria e secondaria di primo grado, c'è una parrocchia vivace e propositiva, che raccoglie sia fedeli adulti, attivi nel volontariato a favore della comunità, sia bambini, ragazzi e giovani, che lo popolano con l'entusiasmo della loro età, sperimentando l'amicizia e la gratuità. Ci sono il parco Bonaldi, polmone verde della zona ovest, il podere di Ombrianello, il Palazzo Rossi e ancora altre zone verdi ed altri luoghi di ritrovo e di interesse artistico-culturale, che lo rendono un quartiere vitale, ricco di servizi e di possibilità.

 

Una festa a cielo aperto
Da dieci anni l'ultima domenica del mese di maggio Ombriano si veste di festa ed alza orgogliosamente la voce, per richiamare l'attenzione e per ricordare al resto della città il suo ruolo. Non lo fa in termini di protesta, ma alzando il volume della musica ed accogliendo sempre più visitatori, che arrivano non solo dagli altri quartieri, ma anche in sempre maggior numero da altre città. L'aria profuma di griglia e di formaggi tipici, le note di musiche d'ogni genere accompagnano la passeggiata tra i numerosi stand, dove si può trovare di tutto: gioielli fatti a mano, prodotti cosmetici naturali, libri e dischi usati, abbigliamento vintage ed oggettistica. Non mancano le associazioni di volontariato, che propongono progetti di condivisione, di aiuto e che in questo modo si fanno conoscere. 

 

La mappa della festa
Viale Europa e Via Renzo da Ceri per un giorno si sostituiscono a Via Mazzini e Via XX Settembre, assurgendo al ruolo di vetrina  della vasca domenicale. Il bosco della memoria e della musica diventa Greenville e si dedica al benessere: sotto l'ombra fresca degli alberi ci si può accostare alle discipline olistiche, alla naturopatia, alle lezioni di yoga, ai prodotti ed ai massaggi ayurvedici. Qui la musica arriva ovattata e prevale il canto della natura, che si risveglia sotto un sole spavaldo e un cielo azzurro, come non lo si vedeva da settimane. In oratorio i gonfiabili e persino un toro meccanico fanno la gioia dei bambini e dei ragazzi più grandi. In Via Pandino si radunano centinaia di centauri in sella alle loro Harley Davidson, in piazza Benvenuti si tiene un'esibizione di stacco da terra e a seguire una gara arm wrestling. Molti esercenti propongono concerti, come quello della rock band degli Svytols offerto dalla Casa del Pane. In questa decima edizione le idee e le novità sono così numerose, che è impossibile elencarle tutte.

 

Good food
La birra scorre a fiumi sin dalla mattina, lo street food all'italiana regna sovrano: piadine, patatine fritte, salamelle, porchetta, gnocco fritto con salumi, arrosticini, ce n'è per tutti i palati. La pizzeria Pepe Verde propone un menù speciale per il giorno di festa, mentre il bar I Demi ingolosisce i visitatori con paella e sangria. Il Civico 31 organizza una festa country, accompagnata dal menù del cowboy a base di galletto, polenta e fagioli alla messicana. Al Prince's Tower si possono sorseggiare drink, cocktail ed aperitivi, ascoltando l'esibizione del Glamsaxhouse e molto altro ancora.

 

L'impegno dei commercianti
Questa è Ombrianville, la città nella città, dove la sinergia dei commercianti, che si uniscono e collaborano al medesimo progetto, crea una manifestazione che negli anni sta diventando un appuntamento fisso per i cremaschi e non solo, al pari di altre fiere tradizionali. Sono loro che, anche quest'anno come ogni anno, al termine della giornata saranno già all'opera per iniziare a preparare l'edizione 2025 ed ogni volta l'evento si allarga, occupa nuovi spazi, si arricchisce di nuove presenze e collaborazioni. Il Comitato Commercianti, presieduto da Andrea Ogliari Badessi, con il sostegno di Asvicom ed il patrocinio del Comune di Crema, ancora una volta ha centrato l'obiettivo di attuare un evento di socialità diffusa. Voci di plauso e di gradimento si sono diffuse tra i partecipanti, che hanno apprezzato l'organizzazione accurata dell'evento, la varietà delle proposte e la creazione di un'isola pedonale, interdetta alle automobili, che ha permesso alla nutrita folla di godersi senza preoccupazioni una giornata di rilassante sole estivo. 

 

Cremaonline è su Whatsapp. Clicca qui per iscriverti al nostro canale e rimanere aggiornato in tempo reale.

3156