27-02-2021 ore 14:28 | confartigianato
di Giovanni Colombi

Confartigianato Crema. Patronato Inapa e ''Opzione donna'', tutte le informazioni

Presso la Confartigianato Imprese Crema è attivo l’Ufficio Territoriale del “Patronato Inapa”, ’Istituto Nazionale di Assistenza e di Patronato per l’Artigianato, curato dalla responsabile Eleonora Bianchi e dalla collega Paola Cazzalini (nell'immagine in basso), che ha tra le principali finalità quella di informare, affiancare e tutelare i propri assistiti in materia previdenziale ed assistenziale. Argomento che suscita sempre molta attenzione e interesse è quello relativo alle pensioni e puntuali sono gli aggiornamenti in materia che il Patronato Inapa della Confartigianato Crema divulga al fine di tutelare e favorire i potenziali beneficiari.

 

Pensione in regime sperimentale “Opzione donna”

Anche per il 2021 è stata rinnovata “Opzione donna”, ossia la possibilità per le donne di andare in pensione anticipatamente, a condizione di scegliere per un assegno interamente calcolato con il metodo contributivo. Si tratta di una possibilità che consente di anticipare l'uscita di diversi anni rispetto alle regole ordinarie che, com'è noto, chiedono in alternativa o il perfezionamento di almeno 41 anni e 10 mesi di contributi, indipendentemente dall'età anagrafica, o il raggiungimento di un'età anagrafica pari a 67 anni unitamente a 20 anni di contributi.

 

La legge di Bilancio 2021

La possibilità di optare per il regime sperimentale è riconosciuta alle lavoratrici iscritte all'assicurazione generale obbligatoria ed ai fondi ad essa sostitutivi od esclusivi (dipendenti del settore privato, pubblico impiego e lavoratrici autonome) in possesso di contribuzione alla data del 31 dicembre 1995. Come anticipato la legge di bilancio per il 2021 consente l'esercizio della predetta opzione alle lavoratrici dipendenti in possesso di 58 anni di età (59 per le autonome) e 35 anni di contributi entro il 31 dicembre 2020. La facoltà è sostanzialmente a disposizione per le lavoratrici dipendenti nate entro il 31 dicembre 1962 e delle autonome nate entro il 31 dicembre 1961 a condizione, per entrambe le categorie, che sia raggiunto entro il 31.12.2020 il requisito contributivo di 35 anni. Per questa tipologia di prestazione resta in vigore la così detta finestra mobile, secondo la quale, l'assegno viene erogato dopo 12 mesi dalla maturazione dei predetti requisiti per le dipendenti e 18 mesi per le autonome.

 

Le caratteristiche

Per effetto del passaggio al sistema di calcolo totalmente contributivo, le lavoratrici che optano per il regime in questione subiscono mediamente una decurtazione sull'assegno che oscilla intorno al 20-30% rispetto alle regole del sistema misto. Il taglio è tuttavia molto variabile a seconda dell'età della lavoratrice e dalle caratteristiche di carriera, retribuzione ed anzianità contributiva maturata alla data di accesso al regime. L'entità della riduzione dipende ovviamente dalle caratteristiche personali delle lavoratrici, in primo luogo, la loro evoluzione retributiva. In linea generale, più la lavoratrice vanta una carriera anticipata - con livelli retributivi molto elevati, percepiti fin dai primi anni di iscrizione all'INPS - più la riduzione sarà minore; viceversa maggiore è l'anzianità contributiva al 31 dicembre 1995 più elevata sarà la riduzione dell'assegno pensionistico. Per la valutazione della contribuzione per il perfezionamento dei 35 anni sono utili, nel limite di 52 settimane annue, i contributi a qualsiasi titolo accreditati (obbligatori, da riscatto e/o da ricongiunzione, volontari, figurativi). Per le lavoratrici iscritte all'assicurazione generale obbligatoria (cioè le lavoratrici dipendenti del settore privato) non concorrono però i contributi accreditati per malattia e disoccupazione. La disciplina sperimentale prevede che l'applicazione del sistema contributivo sia limitata alle sole regole di calcolo. Pertanto a tale pensione si applicano le disposizioni sul trattamento minimo e non è richiesto il rispetto dei così detti importi soglia, previsti per coloro che accedono al trattamento pensionistico in base alla disciplina del sistema contributivo.

 

Per informazioni

L’Ufficio Territoriale del Patronato Inapa è a disposizione per informazioni e svolgimento pratiche, esclusivamente su appuntamento, presso gli Uffici della Confartigianato Imprese Crema di: Crema, via IV Novembre n. 121/123 Tel. 0373 87112 (lunedì e venerdì dalle 8.30 alle 12 - mercoledì dalle 14 alle 17); Pandino, piazza Vittorio Emanuele III° n. 2 Tel. 0373 970436 (venerdì dalle 8.30 alle 12).

1526
speciale coronavirus la situazione del coronavirus in italia la situazione del coronavirus nel cremasco
Oggi al cinema
Eventi del giorno
libera associazione artigiani confartigianato

polocosmesi