26-05-2022 ore 14:28 | Economia - Lombardia
di Denise Nosotti

Fnp Cisl: report sullo stato delle case di riposo e la situazione in Ats Valpadana

La Fnp Cisl ha pubblicato un’indagine sullo stato di ‘salute’ delle Rsa. In Lombardia, le  famiglie e i pazienti nel 2020 hanno speso il doppio di quanto abbia stanziato la Regione (un miliardo e 600 milioni di euro contro 860 milioni), e i soldi vanno a finanziare strutture che sono per la quali totalità private (664 contro 48 pubbliche) e poco meno della metà non appartengono a onlus. I posti letto contrattualizzati sono cresciuti di due sole unità rispetto allo scorso anno e sono calati di circa 700 rispetto a cinque anni fa, mentre i posti solventi (cioè a totale carico di famiglie e pazienti) sono aumentati di 385 unità in un solo anno. Infine, la media delle rette pagate dalle famiglie è cresciuta di un euro e mezzo al giorno e di quasi sette in cinque anni.

 

Il punto sul nostro territorio

Vediamo, nel dettaglio, la situazione dell’Ats Valpadana, che comprende anche il territorio cremasco. Nel 2021, considerando le 88 Rsa, i posti letto autorizzati sono 8.025. La maggior parte delle strutture rientra tra quelle definite ‘di media dimensione’, in un range compreso cioè tra i 60 e i 120 posti letti. Di queste 88, cinquanta sono onlus e la natura giuridica prevalente è, per il 93 per cento, privata. i posti letto accreditati in Ats Valpadana sono, nel 2021, 7635, mentre un anno prima erano superiori di sole due unità (7637). È aumentata, in media, nell’ultimo anno, anche la retta minima giornaliera di 0,91 euro arrivando a 50,64 euro. In totale, nelle Rsa di Ats Valpadana, nei nuclei Alzheimer, ci sono 381 posti letto. L’andamento regionale, degli occupati per questa patologia, è stato sempre in crescendo dal 2016 al 2021: da 3.038 ai 4.369 del 2020. C’è stata una leggera diminuzione nel 2021 che ha raggiunto le 4.310 unità.  Trend in crescita anche di posti letto negli hospice. Nel 2021 i posti letto in Ats Valpadana sono 81 con un aumento di tre unità rispetto al 2020.

 

Domanda in crescita

Da tre anni, inoltre, la Fnp Cisl monitora anche i centri diurno integrati. In Lombardia sono 318 (cinque in meno del 2020) mentre i posti accreditati 7.903, con un incremento di 80 unità rispetto all’anno precedente. In Ats Valpadana, sia per i 2020 che 2021 i posti sono stati uguali: 1040. Questo dovuto anche l fatto che i Cdi hanno subito, nel biennio 2020-2021, gli effetti della diffusione del Covid-19, con limitazioni dei nuovi ingressi e strette regole d’accesso per gli utenti. In generale dunque, i dati, aggiornati al 31 dicembre 2021, hanno esaminato le 712 strutture presenti sul territorio regionale con un totale di 65.512 posti letto autorizzati. Di questi, 57.512 sono contrattualizzati (ovvero riconosciuti da Regione Lombardia con regolare contratto e finanziati per la parte relativa alla spesa sanitaria dal Fondo Sanitario Regionale). Con l’aumento del numero di anziani che necessita di un assistenza continua, la domanda di ricovero in strutture protette è sempre in crescita. Per rispondere a questo bisogno, diverse Rsa hanno aumentato la loro offerta di posti letto solventi, ovvero a totale carico economico dell’utente e della sua famiglia. Infatti, nel 2021 i posti letto solventi sono saliti a 7.752 unità (+385 unità rispetto al 2020).

1560