22-07-2019 ore 10:07 | Economia - Mercati
di Andrea Aiolfi

Crema. Ai giardini di porta Serio tanti giovani e tante famiglie per l'Hop hop street food

I sapori dello street food hanno conquistato i cremaschi. Per il quarto anno consecutivo i cibi di tutto il mondo hanno accompagnato l’estate cremasca. Da venerdì a domenica scorsi le specialità tipiche, con particolare riferimento a Brasile, Stati Uniti, Spagna e Germania, hanno attirato nei giardini di porta Serio centinaia di persone.

"La scelta vincente"
L’assessore al commercio Matteo Gramignoli ha espresso piena soddisfazione. “La scelta del luogo è stata vincente. Togliere lo street food dal centro storico è stato un bene e ha risolto alcune criticità riscontrate in passato: l’eliminazione temporanea dei parcheggi, la presenza di odori o lo sversamento 'accidentale' di olio. Le persone hanno gradito tantissimo, la gente poi si è riversata in centro e ha permesso ai bar e ai negozi di lavorare bene. Gli street food da noi sono pochi e di qualità e non vanno in competizione con i ristoranti, è importante non esagerare”.

Dai giovani alle famiglie
Soddisfazione anche da parte degli espositori dell'Hop Hop street food. Come spiega il rappresentante Gaetano Monzo, “la scelta di spostarci ai giardini è stata veramente azzeccata perché abbiamo potuto offrire il posto per sedersi; poter stare qui sotto gli alberi con un po’ di ombra è bellissimo. Durante queste sere, fino a mezzanotte, abbiamo avuto tanti giovani e tante famiglie”. Gli organizzatori hanno voluto sottolineare il riguardo che hanno avuto nella pulizia e nella cura dell’ambiente, grazie al lavoro di ogni singolo espositore e alla collaborazione dei clienti, nonostante le molte presenze non ci sono stati episodi di inciviltà o abbandono dei rifiuti. “È sempre bello tornare a Crema – conclude Monzo - è una città che ci piace molto. Purtroppo questa volta mancava l’Argentina tra gli espositori ma prometto che quando torneremo, presto, la porteremo”.

116
Oggi al cinema
Eventi del giorno
libera associazione artigiani confartigianato