22-03-2018 ore 18:05 | Economia - Sindacati
di Ramona Tagliani

Crema. Beni confiscati alla mafia e campi della legalità, 200 alunni del Pacioli alla Cgil

La giornata della memoria delle vittime innocenti di mafia ha portato il Nidil e lo Spi Cgil ad un incontro con oltre 200 studenti del Pacioli di Crema. Tema: i beni confiscati alla criminalità organizzata. Alla Camera del lavoro Calogero Parisi (presidente della cooperativa Lavoro e non solo di Corleone), Stefano Landini (segretario generale dello Spi Lombardia), Daniela Chiodelli e Cecilia Crotti (volontarie nei campi della legalità).

 

I campi della legalità

Parisi ha raccontato della prima realtà in Sicilia che con coraggio negli anni Novanta ha deciso di prendere in gestione beni confiscati alla criminalità organizzata. Landini ha ribadito l'impegno della Cgil nell'organizzare i campi della legalità: "l'occasione data ogni estate a migliaia di giovani di contribuire con il loro lavoro al recupero e al mantenimento dei beni confiscati". L'esperienza diretta dei campi è stata raccontata dalle giovani volontarie. Gli incontri dedicati al tema proseguiranno nel prossimo futuro.

 La redazione consiglia:

politica - Crema
Mille nomi, o molti di più. Tanti quante sono le vittime della mafia. Novecento quelli noti, cui si aggiungono le persone che hanno pagato soprusi e ingiustizia sulla propria pelle, finendo...
Oggi al cinema