22-02-2018 ore 19:08 | Economia - Aziende
di Diego Meis

Asst. Sanità regionale, cronici e autonomia, l'ospedale chiede l'impegno della politica

Sala gremita per discutere il futuro della sanità lombarda e dell'ospedale di Crema. L’incontro organizzato mercoledì 21 febbraio dall’Associazione medica padana ha riunito all’hotel Ponte di Rialto medici e operatori sanitari. Presenti i candidati alle elezioni regionali e politiche della Lega nord, invitati allo scopo di approfondire "i temi di cui dovranno farsi carico" in caso di elezione.


Asst, 'eccellenza e competitività'

Il direttore generale dell'Asst Crema Luigi Ablondi e il direttore dell'unità operativa di nefrologia Giorgio Carlo Depetri hanno illustrato l’attuale situazione del sistema sanitario lombardo nel contesto nazionale, con un focus sull’Asst Crema, “ospedale di eccellenza in un contesto competitivo”. Ablondi ha ripercorso gli ultimi anni di gestione della struttura sanitaria, tra aumento delle prestazioni offerte e riequilibrio di bilancio. “Un trend positivo che nel 2016 ha scongiurato l’accorpamento”.


Cronici e autonomia

Tra i temi trattati, la presa in carico dei pazienti cronici, “che già assorbe il 70 per cento delle risorse regionali destinate alla sanità”. La Lombardia è stata “tra le prime regioni ad attuare il nuovo sistema, frutto di un accordo tra Stato e Regione valido per tutto il territorio nazionale”. La nuova procedura, avviata anche per l’Asst Crema, contribuirà a ridefinire la nuova fisionomia del servizio sanitario, "per un’autonomia da riconfermare nel tempo".

 

Critica dei Cinquestelle: 'comizio leghista'
Tra i presenti anche Anna Sari, candidata al consiglio regionale per il Movimento Cinque Stelle cremasco. Sua la nota critica in merito alla natura del convegno,“che avrebbe dovuto prevedere un confronto tra i candidati, invece mi sono trovata ad un comizio leghista. Non ho sentito una critica reale, né un’analisi degli aspetti ancora poco chiari”. Sari attacca il governo regionale uscente: “gli effetti nocivi delle nomine politiche dei dirigenti pubblici si vedono non solo in campagna elettorale, con l'organizzazione di serate come questa, ma anche nel funzionamento della sanità”. Ora si lamentano del rischio della perdita di autonomia dell'Asst, come se non avessero governato loro negli ultimi vent’anni”. (documento integrale in allegato)

 La redazione consiglia:

economia - Aziende
Mercoledì 21 gennaio l'Associazione medica padana organizza un incontro intitolato Sanità in Lombardia e futuro dell'ospedale di Crema. L'appuntamento è alle ore 18...
rubriche - Medicina e salute
Un anno positivo alle spalle e l'impegno per le nuove sfide in programma per i prossimi dodici mesi. Stamattina nella sala Polenghi dell'ospedale Maggiore di Crema si è svolto il...
Oggi al cinema