19-10-2020 ore 14:33 | polocosmesi
di Lisa Dansi

Polo della Cosmesi. Lo stato di salute del settore nel report realizzato dal Sole 24 Ore

La produzione mondiale di articoli cosmetici (o ‘beauty’) è stimabile in 400 miliardi di dollari, mentre la spesa pro-capite mondiale in beauty è pari a 66 Usd. L’Italia è il 4° produttore europeo e il 9° al mondo con vendite per 11,9 miliardi di dollari, preceduta in Europa solo da Germania, Francia e Regno Unito. L’intera filiera della cosmetica italiana, compresi i fornitori soprattutto di packaging, vale circa 16 miliardi. La GDO rappresenta il principale canale di vendite in Italia con una quota attorno al 45%, seguita da profumerie (20%) e farmacie (18%). L’unico canale in crescita durante il lockdown è stato l’e-commerce (+37%). L’Italia è 3° esportatore europeo con 5,4 miliardi di euro e il 6° mondiale.

 

Il Report Cosmesi

Sono questi alcuni dei numeri presenti nel Report COSMESI (disponibile all'indirizzo http://s24ore.it/qpZdkK) elaborato da Sole 24 Ore Ricerche e Studi in collaborazione con l’Area Studi di Mediobanca che, partendo da una visione sintetica del business a livello mondiale, individua i maggiori Paesi produttori, inquadra il ruolo delle imprese italiane sui mercati internazionali e ne analizza le performance.

 

Le imprese italiane del Beauty
Nel Report Cosmesi emerge che le imprese italiane del beauty con fatturato superiore a 10 milioni sono 195, con vendite pari a 12,1 miliardi di euro e oltre 39 mila dipendenti. Prevalgono le attività produttive (6,4 miliardi) su quelle commerciali (5,6 miliardi). Tra le imprese manifatturiere, quelle che producono a marchio proprio fatturano 4,4 miliardi, mentre i terzisti sono appena sopra i due miliardi. Nel commercio, i grossisti con 3,4 miliardi superano i dettaglianti a 2,2 miliardi. Le imprese italiane del make-up segnano ricavi per 2,8 miliardi (23% del totale italiano), quelle dell’igiene della persona per 2,1 miliardi (pari al 18% del totale), i prodotti per capelli, le creme e i profumi sono attorno al 10% del totale. Le imprese multiprodotto a controllo straniero sono una parte importante della produzione con vendite per 1,5 miliardi, ancora marginale la nicchia della cosmesi naturale (0,6 miliardi). La presenza straniera in Italia è molto rilevante e vale oltre un terzo della produzione a 4,3 miliardi, con i francesi che soli fatturano 1,8 miliardi di euro.

 

Gli scenari futuri
Se nel 2020 il fatturato dell’industria mondiale del beauty dovesse ripiegare nella stessa misura per cui è atteso flettere il Pil (-4,5%), la produzione mondiale di beauty, tornerebbe solo nel 2022 su livelli (circa 410 miliardi) superiori a quelli del 2019. Nel 2025 mancherebbero circa 40 miliardi di ricavi rispetto allo scenario pre Covid. Per quanto riguarda il mercato italiano, è ragionevole attendere che il lockdown del 2020 abbia penalizzato soprattutto il make-up, i profumi e quei prodotti la cui diffusione è legata alle attività commerciali, come le linee professionali.

 

La forza del Made in Italy
Tra i fattori su cui può contare il beauty Made in Italy per contrastare la crisi ci sono: la sua storica resilienza alle fasi recessive (c.d. ‘lipstick effect’), la forte brand awareness di cui godono i nostri prodotti, la buona solidità patrimoniale delle imprese – il settore conta disponibilità liquide pari a circa 1,5 miliardi – e, infine, la discreta presenza produttiva all’estero che potrebbe compensare la flessione produttiva interna.

1187
speciale coronavirus la situazione del coronavirus in italia la situazione del coronavirus nel cremasco
Oggi al cinema
Eventi del giorno
libera associazione artigiani confartigianato

polocosmesi