16-10-2014 ore 18:18 | Economia - Aziende
di Angelo Tagliani

Danone, chiusura dello stabilimento di Casale Cremasco: “soluzioni personalizzate per ciascun lavoratore”. Personale e competenze concentrate a Milano

La notizia arriva al termine dell'incontro odierno presso la sede di Milano di Assolombardia: “Danone Italia - si legge in una nota stampa - conferma il raggiungimento di un accordo con le rappresentanze sindacali e la definizione di un piano con soluzioni personalizzate per ciascuno dei cento dipendenti coinvolti nella cessazione della produzione dello stabilimento di Casale Cremasco”.

 

Minimizzare l'impatto

“Coerentemente con i propri valori, la tradizione di dialogo e responsabilità sociale Danone Italia ha concordato con le controparti misure atte a minimizzare quanto più possibile l’impatto del progetto di discontinuità dell’unità produttiva, che si concluderà, compatibilmente con le operazioni industriali e formali previste, intorno alla metà del 2015”.

 

La qualità dei prodotti

“Danone continuerà a operare in Italia concentrando presso la sede di Milano le risorse e le competenze per sviluppare il mercato nazionale. Il progetto - conclude una nota ufficiale dell'azienda - non avrà alcuna conseguenza sulla qualità dei prodotti, che continueranno a essere regolarmente distribuiti in tutta Italia”.

267
speciale coronavirus la situazione del coronavirus in italia la situazione del coronavirus nel cremasco
Oggi al cinema
Eventi del giorno
libera associazione artigiani confartigianato

polocosmesi