16-09-2019 ore 17:29 | Economia - Mercati
di Rebecca Ronchi

Polo delle microalghe, oggi a Rivolta d’Adda inaugurato il nuovo parco dei bioreattori

Stamattina a Rivolta d’Adda è stato inaugurato il nuovo parco bioreattori del polo delle microalghe. Il Centro di Sperimentazione dello Spallanzani “è aperto a collaborazioni nazionali ed internazionali, per lo sviluppo di tecnologie innovative e progetti imprenditoriali basati sull’impiego di microalghe. Le tecnologie microalgali – ha commentato Ettore Prandini - rappresentano una risposta ad esigenze specifiche del territorio in materia ambientale, una potenziale opportunità per integrazioni del reddito nel settore agricolo e lo sviluppo di mercati innovativi nel settore dell’economia circolare. Con questo Parco vogliamo così confermare l’impegno dell’Istituto a sostegno della ricerca per uno sviluppo sostenibile”.

 

Innovazione

Il Parco Bioreattori si sviluppa su un’area di circa 500 metri quadri completamente dedicata allo sviluppo di tecnologie microalgali, costituita da cinque diverse tipologie di bioreattori - Open Thin-Layer Cascade, Open Raceway Pond, Multilayer Horizontal and Vertical Tubular, Flat Panels e a colonna - un sistema di pretrattamento dei terreni di coltura e differenti metodi di raccolta della biomassa che sfruttano le più avanzate innovazioni per la produzione di microalghe. Alla struttura si affiancano poi quattro laboratori per la ricerca e l’ottimizzazione di metodologie per la crescita delle microalghe, la crioconservazione e le analisi genetiche alla base dell’identificazione dei ceppi algali.

 

Diversi impieghi

“Le microalghe consentono di valorizzare la biomassa prodotta in differenti settori dalla produzione sperimentale di bioplastiche, mangimi per il comparto zootecnico, fitostimolanti nel settore agricolo, estrazione di pigmenti e molecole di pregio da impiegare nel settore cosmetico. In questo senso, le ricerche promosse dal progetto puntano a sviluppare delle bioraffinerie: una biotecnologia sostenibile ed efficiente capace di fitodepurare reflui zootecnici e trasformare sottoprodotti caseari in prodotti di nuova origine, producendo una biomassa microalgale che andrà ad integrarsi funzionalmente alle altre filiere di vocazione locale”.

 

A disposizione del territorio

“Il Parco Bioreattori – ha aggiunto Marina Montedoro, direttore dell’Istituto - sarà messo a disposizione delle imprese e della comunità scientifica per favorire l’impiego delle biotecnologie microalgali, promuovendo attività di ricerca, di sviluppo e di servizio. Si aggiunge così un nuovo importante servizio a quelli del Polo delle Microalghe”. Il progetto è coordinato dall’Istituto Spallanzani e realizzato in collaborazione con il Politecnico di Milano, l’Università degli Studi di Milano Bicocca, il Crea-Za di Lodi, la provincia di Cremona, l’Ersaf e la Camera di commercio di Cremona; è finanziato da Fondazione Cariplo nell'ambito degli "Interventi Emblematici Maggiori" della Provincia di Cremona e cofinanziato da Regione Lombardia.

105
Oggi al cinema
Eventi del giorno
libera associazione artigiani confartigianato