14-06-2019 ore 14:45 | Economia - Fiere
di Ramona Tagliani

'Save and tigers' e il menu della tradizione di un locale di Crema diventa subito virale

Anticamente il casus belli, o se volete, la scusa per muovere guerra, veniva spesso da una cattiva, diciamo pessima, traduzione. L’ascoltatore andava su tutte le furie e spesso a farne le spese erano quei poveri disgraziati di ambasciatori; che poi si sa, non portano pena, ma questa è un’altra storia. L’argomento del giorno, roba che Lercio se lo sogna, riguarda il cibo e il sapersi destreggiare non solo con la tecnologia ma anche e soprattutto le lingue, in questo caso quella della (sempre perfida) Albione.

 

Il menu della... traduzione

Siamo in un locale di Crema. A tavola arriva il Menu della tradizione. Siete pronti? “Cacciatore nostrano con salva e tighe”. Buono ok, ma volete sentire la traduzione? Siete sicuri? “Hunters with save and tigers”. Passi per ‘save’, ma ‘tigers’? Fino a qualche anno fa, d’estate, col calo delle vendite, i quotidiani locali s’inventavano avvistamenti di pantere e giuaguari, ma di tigri, sinceramente, mai sentite.

 

Shrubbery cake crumbled

A muovere maggiore inquietudine è il “Tortello cremasco scomposto”. Scomposto in che senso? Ma leggiamolo in inglese: “Shrubbery cake crumbled”, letteralmente “La torta di arbusti si sbriciola”. La chiusura del pranzo cremasco – confessate, chi non ha una mamma, una nonna o una zia che va fiera di queste ricette – è con la “Spongarda (dolce tipico cremasco)”. Ok. Tratteniamo il respiro: “Spongarda (typical sweet cream)”. Peccato non ci sia anche un digestivo. Che so, magari un cane in piedi.

1497
speciale coronavirus la situazione del coronavirus in italia la situazione del coronavirus nel cremasco
Oggi al cinema
Eventi del giorno
libera associazione artigiani confartigianato

polocosmesi