13-06-2015 ore 11:33 | Economia - Scadenze fiscali
di Stefano Zaninelli

Casale Cremasco. Ingiunzione di pagamento da 8 centesimi di euro. Il sindaco Grassi rassicura: “non tremiamo”

Date a Cesare quel che è di Cesare, centesimi compresi. Al Comune di Casale Cremasco la Cassa conguaglio per il settore elettrico ha consegnato un’ingiunzione di pagamento di 0,08 euro. C’è di più: in caso di mancato pagamento “si procederà alla conseguente iscrizione a ruolo”: in altre parole, Equitalia è pronta a compilare la cartella esattoriale.

 

Importi e percentuali

La questione è squisitamente tecnica: il debito del Comune di Casale risale ad un adempimento vantato dall’Aeegsi sulla rete fognaria e la depurazione. Gli importi dovuti dal Comune, tuttavia, sono sempre stati bassi, al punto che venivano pagati solo quando la somma degli importi trimestrali superava una certa quota; di quell’importo, una data percentuale andava all’ente riscossore. “Dal settembre 2014 l’adempimento è stato tolto – spiega Chiara Campanini, responsabile del settore finanziario – ed il Comune non ha corrisposto la percentuale che la Cassa conguaglio vantava sull’esazione”.

 

La memoria del creditore

Si sa: i creditori hanno miglior memoria dei debitori e la Cassa conguaglio esige quei centesimi. “Sono sconcertata – commenta Campanini – perché per ai fini dell’agevolazione contributiva gli enti non chiedono importi che non giustifichino la spesa del versamento”. Dello stesso avviso anche il sindaco di Casale, Antonio Grassi, che ironizza: "nominerò una commissione di consulenti che mi suggerisca come affrontare il problema e, nell'eventualità, trovi una via per reperire fondi per pagare il debito, evitando il default del Comune".  

Oggi al cinema