13-05-2024 ore 08:03 | Economia - Aziende
di Claudia Cerioli

Padania Acque approva il bilancio e nomina il CdA. Riconfermata la presidenza a Chizzoli

Un utile netto di quattro milioni di euro, un margine operativo lordo di oltre 28 milioni, che rispetto al 2022 è cresciuto di quasi sei punti percentuali, e quasi 30 milioni di euro di investimenti. Numeri che delineano gli ottimi risultati conseguiti da Padania Acque e che vengono riportati nel bilancio di esercizio 2023, approvato all’unanimità dal 91,82 per cento del capitale sociale nel corso dell’assemblea degli azionisti che si è tenuta giovedì 9 maggio presso gli spazi della Fiera di Cremona. Come ha spiegato il presidente Cristian Chizzoli: “Nel corso del 2023 sono state implementate le linee di sviluppo strategico e operativo attraverso una correlata crescita economico-patrimoniale e organizzativa. Gli obiettivi di questo consiglio d’amministrazione, in osservanza alle raccomandazioni dei soci, sono stati perseguiti con l’impegno da parte di tutti, amministratori e dipendenti dell’azienda, ponendo particolare attenzione all’ambiente, alla qualità e alla conservazione della risorsa idrica”.

 

‘Spinta alla realizzazione delle opere previste’

“Gli investimenti complessivamente realizzati, pari a quasi trenta milioni di euro, per opere previste nel piano d’ambito e opere accessorie, sono stati finalizzati allo sviluppo sostenibile del nostro territorio, contribuendo ad ampliare, rinnovare ed efficientare l’infrastruttura funzionale all’erogazione del Servizio Idrico Integrato”. L’assemblea è proseguita con l’intervento dell’amministratore delegato Alessandro Lanfranchi. “In linea con il mandato dei sindaci abbiamo perfezionato l’acquisizione del ramo d’azienda di A.S.M. Pandino S.r.l., portando così a compimento l’articolato processo di unificazione degli asset idrici delle aziende della provincia di Cremona. L’esercizio è stato contrassegnato da una notevole spinta alla realizzazione delle opere previste e bancate: Padania Acque ha investito molto nel territorio realizzando interventi di digitalizzazione ed efficientamento dei processi, opere e infrastrutture idriche con un livello di investimento per abitante pari a circa 85 euro, in linea con la media europea e il 23% in più di quella italiana (Fonte: Blue Book 2024 Utilitalia)”

 

‘Migliora la gestione aziendale’

Il direttore generale Stefano Ottolini ha commentato gli importanti risultati del bilancio e i dati relativi alla gestione che segnano ulteriori progressi nello sviluppo industriale di Padania Acque. “Il valore aggiunto generato, pari a 39 milioni di euro - in aumento del +5,40 per cento rispetto al 2022 - e l’incremento di oltre 1,5 milioni di euro del margine industriale lordo (+5,8 per cento), sono numeri decisamente positivi e che rispetto allo scorso anno evidenziano un netto miglioramento nella gestione operativa dell’azienda. L’attivo patrimoniale si attesta a 329 milioni di euro, in aumento di 7,2 milioni rispetto all’anno precedente, e la stabilità degli indicatori finanziari rappresenta una situazione di equilibrio che garantisce una solida base per gli sviluppi futuri”.

 

Il nuovo CdA

L’assemblea dei soci ha infine nominato l’organo amministrativo che resterà in carica per il prossimo triennio e quindi fino al 2027. Il Consiglio di Amministrazione vede la riconferma di Cristian Chizzoli, docente del dipartimento di marketing dell'Università Bocconi, nel ruolo di Presidente; Alessandro Lanfranchi, consigliere e Amministratore Delegato designato; Bruno Paggi, manager e imprenditore cremasco, Luana Piroli, cremonese e general manager in ambito sanitario, e Francesca Scudellari, avvocato cremonese, consigliere di Padania Acque.

1857