13-04-2023 ore 15:37 | Economia - Aziende
di Ilaria Bosi

Cremasco. Adeguamento dei centri di raccolta: ConsorzioIT investe oltre due milioni di euro

Il progetto di adeguamento dei centri di raccolta dei rifiuti coinvolge ad oggi 35 comuni, con l’esclusione delle sette amministrazioni sedi di piattaforme sovracomunale (Bagnolo Cremasco, Castelleone, Crema, Montodine, Offanengo, Pandino e Soncino). Come spiega l’ad di Consorzio, Bruno Garatti, “si tratta di un progetto importante gestito con intelligenza in ottica territoriale che consentirà ai nostri comuni di avere, a costo zero, delle piazzole di raccolta più funzionali al servizio dei propri cittadini e, nel contempo, a Consorzio.it di rientrare del proprio investimento sul lungo periodo a carico dei soggetti gestori che utilizzano e utilizzeranno queste infrastrutture”. Non solo: “rappresenta un ulteriore passo per definire in maniera più marcata il perimetro delle infrastrutture territoriali connesse al servizio di raccolta rifiuti che, in aggiunta alle 7 piattaforme consortili già di proprietà di Consorzio.it, consentiranno al territorio, anche in vista dei futuri riaffidamenti del servizio, di presentarsi ancora più unito e con un maggior potere contrattuale”.

 

I lavori previsti

Garatti entra nel dettaglio dei lavori: “è prevista la messa in sicurezza e la realizzazione di alcune migliorie funzionali”. L’iniziativa è frutto del “costruttivo dialogo” tra Consorzio informatica e territorio e Linea gestioni, società del gruppo A2A affidataria del servizio di igiene urbana nel territorio cremasco: “è stato possibile riprendere e “mettere a terra” il progetto che la stessa Linea gestioni aveva già proposto a suo tempo a tutte le amministrazioni comunali e senza alcun alcun onere a carico dei comuni, come invece era precedentemente ipotizzato e previsto dal progetto di Linea”.

 

Il canone e l’investimento

Ridefiniti gli obiettivi e il piano industriale, è iniziato un percorso di dialogo con tutti i comuni soci, acquisendo delucidazioni e necessità. “La sostenibilità dell’investimento – prosegue Garatti – si basa su un rapporto convenzionale di durata pluriennale tra Consorzio.it e i comuni aderenti ed un canone che il soggetto gestore del servizio (Linea Gestioni) corrisponderà a Consorzio.it in aggiunta a quello già riconosciuto per le piattaforme consortili”. La società partecipata dai comuni cremaschi prevede un investimento di oltre due milioni di euro (oltre Iva).

 

Le quattro gare

Molte attività sono state condotte in parallelo e, con il supporto dei tecnici comunali, entro il 31 gennaio scorso: “sostanzialmente tutti i comuni aderenti al progetto hanno deliberato e messo quindi Consorzio.it nella condizione di poter dare corso al lavoro preparatorio delle gare. I comuni sono quindi stati suddivisi in quattro gruppi per consentire le tenute dei tempi, per avere una contiguità territoriale e quindi poter contare nel caso di più ditte appaltatrici su una contemporaneità esecutiva. Le quattro gare sono state pubblicate a metà febbraio e sono attualmente in corso le consuete verifiche di legge per gli affidamenti”.

 

Lavori conclusi nel 2024

“I tempi di esecuzione delle opere di ogni singolo gruppo sono, come previsto dal progetto di gara, pari a sette mesi dalla data del verbale di inizio lavori, prevedibile entro il mese di maggio. Essendo necessaria una minima progressione nella partenza dei lavori per garantire l’operatività dei centri di raccolta e, se necessario il mutuo soccorso fra Enti, si prevede l’ultimazione di tutte le attività entro il primo semestre 2024.

2194