12-08-2023 ore 15:30 | polocosmesi
di Giovanni Cremonesi

Polo della Cosmesi. Beauty routine a prova d'estate, le indicazioni della cosmetologa Alvaro

In estate la beauty routine per il viso va articolata in modo differente rispetto alle altre stagioni dell’anno. La pelle ha bisogno di leggerezza e di freschezza per questo cambiano le modalità per idratare viso e corpo e cambiano anche le texture dei cosmetici.

 

“Durante questa stagione l’idratazione deve essere sempre la colonna portante per ogni tipologia di pelle che effettua una skincare routine – spiega la cosmetologa Mara Alvaro -. Le texture da scegliere sono quelle in gel da usare sia al mattino prima della protezione solare che sera quando è richiesta anche una certa emollienza sul viso. I prodotti in gel generalmente hanno un maggior effetto rinfrescante per via della loro struttura e composizione. Si può optare per sieri o essenze da usare da soli (in base alla tipologia di pelle) o in combinazione con una crema super leggera. Ricordiamo poi di utilizzare la protezione solare”.

 

“Fra gli ingredienti o sostanze funzionali si può optare per quelle ad azione antiossidante come la vitamina C, resveratrolo, acido ferulico, picnogenolo che possiedono una forte azione contro i radicali liberi e lo stress ossidativo. Utilizzando un prodotto antiossidante prima di applicare la protezione solare, si ha una maggiore azione preventiva sulle rughe e sui danni dei raggi UV”. Altri ingredienti da preferire in questa stagione sono l’acido ialuronico per un’azione idratante, antiage e riempitiva e gli scrub ad azione meccanica per garantire luminosità sul viso e omogeneità dell’abbronzatura.

 

“Gli esfolianti chimici è sempre meglio rimandarli a settembre. Si può al massimo optare per esfolianti enzimatici che indubbiamente risultano più delicati rispetto a AHA e BHA che con il sole possono creare più sensibilizzazioni e rossori – conclude Alvaro-. Un mito da sfatare è che lo scrub elimini l’abbronzatura. L’esfoliazione meccanica contribuisce ad uniformare lo stato più superficiale della pelle consentendo una migliore penetrazione dei cosmetici e un aspetto migliore dell’abbronzatura”.

1798