11-02-2021 ore 20:14 | Economia - Mercati
di Riccardo Cremonesi

‘Vogliamo poter lavorare’. I ristoratori di Crema chiedono maggiore ascolto e rispetto

Col passaggio in zona gialla della Lombardia sono state allentate alcune restrizioni riguardanti gli esercizi commerciali. Siamo andati ad incontrare alcuni ristoratori per farci raccontare come stanno vivendo la situazione. Appare evidente che l’emergenza sanitaria sia grave, nessuno vuole negare o sminuire la realtà: “Però – spiegano - non capiamo per quale motivo la categoria dei ristoranti debba essere così penalizzata”. Ai decisori politici chiedono di rispettare le promesse, di erogare la cassa integrazione e di provare a comprendere i sacrifici che devono affrontare. Aprire solo a mezzogiorno o con l’asporto (un controsenso per chi punta sull’accoglienza ed il servizio all’interno di un locale) non tiene conto delle differenti specificità. “Vogliamo lavorare anche la sera, almeno fino alle 22”.

3064

 La redazione consiglia:

economia - Mercati
Lotteria degli scontrini a Crema. A che punto siamo? Le richieste sono tante. “Per il momento è un costo”, spiegano i commercianti, anche se tutti sperano sia un’ulteriore...
economia - Mercati
Il sole invoglia ad uscire, a fare quattro passi per le vie del centro, una chiacchierata guardando le vetrine. Alle prese coi saldi, i commercianti raccontano che l’aspetto negativo è...
economia - Aziende
Il mondo del lavoro, dai fornitori ai collaboratori, ha dimostrato grande flessibilità e capacità di organizzazione. Ha saputo far fronte alle indecisioni politiche, agli errori di chi...
speciale coronavirus la situazione del coronavirus in italia la situazione del coronavirus nel cremasco
Oggi al cinema
Eventi del giorno
libera associazione artigiani confartigianato

polocosmesi