09-04-2021 ore 20:43 | Economia - Mercati
di Stefano Zaninelli

Istat. In provincia il mercato del lavoro si restringe: 1 su 3 non lavora né cerca impiego

Ad un anno dall'inizio della pandemia, è difficile trovare conforto nelle statistiche. Guardare ai numeri può sembrare uno sterile esercizio di masochismo, ma non è così. Serve a capire cos'è successo, com'è cambiata e come sta mutando la società, e a progettare nuove ripartenze. Lo stesso vale per il mercato del lavoro. Alcune tendenze sono di facile intuizione: come in tutte le crisi, l'occupazione cala e la disoccupazione aumenta. Altri andamenti, invece, informano delle strategie di reazione e dei comportamenti collettivi in una situazione critica, e la provincia di Cremona non fa eccezione.

 

Le tendenze principali

In poco meno di 12 mesi il mercato del lavoro cremonese è cambiato (tutti i dettagli nell'infografica allegata). Rispetto al 2019 è calato il numero di occupati, cioè le persone con un lavoro, passati da 154 mila a 145 mila. È calato anche il tasso – cioè il rapporto tra gli occupati e la popolazione di riferimento – tornato ai livelli del 2010 (con il 63,4%). Al contempo, è aumentata la disoccupazione, dal 5% al 5,7%: un aumento di circa un migliaio di persone, modesto rispetto alle aspettative. Preoccupa invece la crescita dell'inattività: un flusso di 8 mila persone ha gonfiato il tasso, portandolo dal 29,5% al 32,7%. In altri termini, una persona su tre non lavora né cerca attivamente lavoro. In periodi come questi, dispositivi come la NASPI ed il Reddito di cittadinanza rappresentano sistemi di protezione fondamentale.

639
speciale coronavirus la situazione del coronavirus in italia la situazione del coronavirus nel cremasco
Oggi al cinema
Eventi del giorno
libera associazione artigiani confartigianato

polocosmesi