09-03-2023 ore 12:05 | Economia - Associazioni
di Claudia Cerioli

Coldiretti, borse per le pazienti oncologiche in ospedale donate da donne impresa l'8 marzo

Insieme, per dare una carezza - che vuole testimoniare vicinanza e incoraggiamento - rivolta alle donne che affrontano il difficile percorso dell’operazione e delle cure oncologiche. Le imprenditrici agricole di Coldiretti donne impresa Cremona hanno scelto l’8 marzo per affidare a Claudia Telò, fondatrice dell’iniziativa “bags for life”, le borse che hanno realizzato, cucite a mano o a macchina, necessarie a contenere i drenaggi post operatori, destinate alle pazienti del reparto oncologico, area donna, dell’ospedale Maggiore di Cremona. A nome di tutte le imprenditrici agricole, Maria Paglioli, responsabile provinciale di donne impresa, e Paola Bono, direttore di Coldiretti Cremona, hanno consegnato a Claudia Telò le borse. E’ stato un incontro ricco di umanità, di solidarietà tra donne. Un incontro che nasce da un’amicizia personale tra Claudia e Maria, e che si è trasformato in un impegno: quello di essere accanto insieme, con discrezione e con piccoli gesti, alle donne che combattono in oncologia.

 

Strumenti per le ricoverate in oncologia

“Sono borse porta-drenaggio per le signore che sono ricoverate nell’area oncologica dell’ospedale. Vengono cucite da altre signore, che donano il loro tempo e la loro cura per creare questa coccola per le pazienti - ci spiega Claudia Telò -. Questa distribuzione sta avvenendo in tutta Italia. E’ partita ad agosto, da una semplice pagina di facebook, e si sta rafforzando di giorno in giorno. Stiamo davvero creando una rete nazionale: con le nostre “borse per la vita” abbiamo praticamente invaso tutta Italia. E’ un gesto rivolto a chi vive un momento di sofferenza. Queste borse sono importanti per chi le riceve. Sono un segno di rinascita. Ti dicono che un’altra donna, che non conosci, ha lavorato per te e, seppur da lontano, ti sostiene e ti è vicina. E’ un’esperienza che ho vissuto e che per me ha avuto un significato prezioso. Ricordo quando ho ricevuto la mia borsa, ricordo che cosa ha significato la scoperta che, dietro questo oggetto semplice e realizzato con cura, ci fosse il cuore di un’altra donna che mi stava accanto” spiega Telò.

 

Vicinanza che durerà nel tempo

Sul tavolo della sede provinciale di Coldiretti Cremona c’è un arcobaleno di tessuti, di colori. Dentro ogni borsa c’è un biglietto, preparato da bags for life, che riporta il nome della signora che ha cucito il piccolo dono. Nei mesi scorsi il progetto è stato presentato al coordinamento provinciale di donne impresa Coldiretti. “Conosco Claudia da tanti anni. E’ un’amica. Da facebook ho scoperto questa sua iniziativa, ho appreso l’impegno di questo gruppo che aiuta le donne operate di tumore al seno - spiega Maria Paglioli -. Le imprenditrici agricole a cui ne abbiamo parlato hanno subito accettato di dare una mano. Ognuna ha fatto un pezzettino: chi ha donato la stoffa, chi ha tagliato, chi ha cucito. C’è chi ha lavorato a mano e chi ha cucito a macchina, mettendoci grande cura. Oggi, anche a nome di tutte loro, consegniamo una prima parte delle borse preparate”. “Ci è sembrato importante fare la consegna in occasione della giornata internazionale della donna. E’ un pensiero di solidarietà e di vicinanza alle donne che stanno affrontando un momento sicuramente difficile, e che stanno ponendo tutto il loro coraggio, il loro amore per la vita, nella lotta alla malattia - aggiunge Paola Bono, direttore di Coldiretti Cremona”.

1279