05-12-2020 ore 14:28 | confartigianato
di Giovanni Colombi

Confartigianato imprese Crema. In arrivo i "ristori" definiti dal Comune di Crema

Oltre ai ristori previsti in questo periodo dai vari provvedimenti nazionali e regionali a sostegno delle attività economiche che stanno subendo le maggiori perdite dalle chiusure e dalle limitazioni imposte dall’emergenza sanitaria, nelle prossime settimane anche il Comune di Crema scenderà in campo con altri sostegni a favore delle realtà produttive, in modo particolare artigianali e commerciali, e lavoratori autonomi con sede nel territorio comunale.

 

Fondo di sostegno economico

Nei giorni scorsi le linee principali dell’intervento, che ammonta a circa 600.000 euro e che fa sempre parte del “Fondo di Sostegno Economico” previsto con il Decreto Rilancio, sono state anticipate dagli assessori Cinzia Fontana e Matteo Gramignoli alle associazioni di categoria che compongono la “cabina di regia” del neonato DUC (Distretto Urbano del Commercio) e, dopo gli ultimi passaggi formali in Commissione Bilancio e in Giunta previsti nei prossimi giorni, il Bando verrà pubblicato con l’indicazione dei vari ambiti di intervento, dei soggetti aventi diritto, dell’ammontare dei contributi e dei tempi e modalità di presentazione delle domande.

 

Misura importante

“Esprimo l’apprezzamento all’amministrazione di Crema per questo ulteriore, cospicuo stanziamento a favore delle attività imprenditoriali del comune penalizzate dalla misure restrittive imposte per fronteggiare l’emergenza Covid-19 – ha sottolineato Pierpaolo Soffientini presidente della Confartigianato Imprese Crema, componente della Cabina di Regia del DUC – Si tratta di una misura importante, sia per l’importo stanziato che per le tipologie di intervento che andrà a sostenere, e che si aggiunge agli oltre 800.000 euro che il Comune già aveva stanziato nei mesi scorsi per alleviare le imprese dei costi relativi alla Tari, alla Cosap e all’imposta di pubblicità. Abbiamo appreso con soddisfazione, inoltre, che su questi stanziamenti si è sempre registrata di fatto una condivisione unanime da parte di tutto il Consiglio Comunale cittadino a dimostrazione dell’attenzione che in questo momento le forze politiche locali stanno dimostrando nei confronti delle attività produttive del territorio che sono in grave sofferenza”.

 

Consolidare la ripresa

 

“Nelle settimane precedenti come associazione abbiamo dato il nostro contributo alla definizione delle misure da mettere in campo – ha proseguito il presidente Soffientini – partecipando all’audizione della Commissione Bilancio con tutte le forze economiche del territorio. Oltre a chiedere interventi rapidi e mirati per far fronte all’attuale situazione di difficoltà, il nostro contributo è stato indirizzato anche a fornire indicazioni per favorire e consolidare la ripresa quando finalmente si potrà ripartire dopo la fase acuta dell’emergenza e che potranno essere oggetto di prossimi interventi da parte dell’amministrazione comunale. Condivisione e attenzione è stata ottenuta dalla nostra proposta di prevedere un contributo per coloro che dall’inizio della pandemia hanno deciso di aprire nuove attività o rilevare situazioni destinate a scomparire, in modo particolare sempre nell’ambito dell’artigianato di servizio e del commercio. Un segno di incoraggiamento e di speranza per un futuro che tutti ci auguriamo possa quanto prima ritornare alla normalità”.

 

Favorire le imprese locali

“Abbiamo ribadito poi la necessita che in futuro vengano favoriti, sempre nel pieno rispetto della normativa vigente e delle regole della trasparenza e concorrenza, gli ‘appalti a chilometro 0’ con l’affidamento diretto dell’esecuzioni di lavori, soprattutto manutenzioni, o fornitura di servizi alle imprese del territorio. Questo attraverso lo ‘spacchettamento’ dei bandi per far sì che il limite degli importi messi a gara possa consentire l’attuazione di questa procedura. Altro aspetto fondamentale riguarda la sburocratizzazione, che costa molto in termini di tempo e risorse economiche alle imprese, e che anche a livello locale potrebbe avere ampi margini di miglioramento. Infine abbiamo riproposto il problema urgente ed indifferibile del contrasto deciso all’abusivismo e alla concorrenza sleale a garanzia della legalità. Fenomeno presente purtroppo anche nella nostra realtà territoriale, consolidatosi anche in questo periodo di emergenza, e che danneggia pesantemente diversi settori produttivi artigianali e commerciali, oltre ad essere fonte di evasione fiscale e lavoro sommerso”.

 

Per informazioni

Gli uffici della Confartigianato Crema e dell’Artigianservice Srl (Crema – Via IV Novembre n. 121-123 telefono 0373-87112) garantiscono tutto il supporto necessario alle imprese per poter beneficiare nei tempi previsti delle misure previste dal bando del Comune di Crema, così come per tutte le misure di sostegno a livello nazionale e regionale e che verranno messe in campo in questo periodo anche dagli altri Comuni del territorio Cremasco.

994
speciale coronavirus la situazione del coronavirus in italia la situazione del coronavirus nel cremasco
Oggi al cinema
Eventi del giorno
libera associazione artigiani confartigianato

polocosmesi