04-09-2023 ore 15:27 | Economia - Sindacati
di Claudia Cerioli

Mancano docenti e personale Ata nelle scuole. Chiesto un incontro urgente col provveditore

Alba Caridi, segretaria generale Flc Cgil Cremona illustra alcune problematiche a pochi giorni dall’inizio delle scuole. Il primo punto riguarda la mancanza di docenti. “Sia di materia che di sostegno. Inoltre, gli istituti vedranno solo in minima parte esaudite le loro richieste di ulteriore personale Ata necessario per garantire il buon funzionamento e la sicurezza nelle nostre scuole. Una situazione precaria quella del settore dell’istruzione nel nostro paese che, a fronte di tanti proclami da parte dei governi che si sono succeduti, rimane irrisolta da anni. I docenti precari della provincia di Cremona stanno vivendo ore di forte preoccupazione a causa dell’assegnazione delle nomine dalle graduatorie provinciali per le supplenze, che è avvenuta senza una preventiva comunicazione delle effettive disponibilità creando così delle aspettative che al momento sono rimaste disattese”. 

 

‘Mancata calendarizzazione delle procedure’

“L’ufficio scolastico regionale -afferma Alba Caridi, segretaria generale Flc Cgil Cremona –avrebbe chiesto all’ufficio scolastico provinciale l’accantonamento delle cattedre con termine al 31 agosto per effettuare ulteriori immissioni in ruolo per scorrimento delle graduatorie del concorso straordinario bis. Ma di questa riserva di posti nessuno era stato avvisato: né i docenti né le organizzazioni sindacali. L’ufficio scolastico territoriale– continua Caridi - è chiaramente in affanno a causa di una mancata calendarizzazione delle procedure. Riscontriamo un’informativa inadeguata nei confronti delle organizzazioni sindacali e dei lavoratori della scuola, quest’ultimi attendevano la chiamata per una supplenza come negli scorsi anni e invece si sono trovati sprovvisti di assegnazione. Stiamo parlando di docenti che negli anni hanno contribuito al buon funzionamento delle nostre scuole garantendo ai nostri bambini e ragazzi il diritto all’istruzione”.

 

‘Contro la precarietà’

“Abbiamo chiesto un incontro urgente con la dirigente e i funzionari dell’ufficio scolastico territoriale. E’ necessario porsi alcune domande e la Flc cgil da tempo sta chiedendo delle risposte in primis al governo perché il nostro obiettivo è rimettere al centro del paese il mondo dell’istruzione. Continueremo la nostra battaglia, con ogni mezzo a nostra disposizione, a breve torneremo fisicamente nelle scuole per parlare con le lavoratrici e i lavoratori. Abbiamo infatti due appuntamenti importanti, il rinnovo del contratto dove per noi è fondamentale confrontarci con i lavoratori che rappresentiamo e poi discuteremo con loro della grande manifestazione indetta dalla Cgil a Roma per il 7 ottobre. Una manifestazione contro la precarietà, per il contrasto alla povertà, contro tutte le guerre e per la pace, per l’aumento dei salari e delle pensioni, per la sanità e la scuola pubblica, per la tutela dell’ambiente, per la difesa e l’attuazione della Costituzione contro l’autonomia differenziata e lo stravolgimento della nostra Repubblica parlamentare”.

3638