03-07-2020 ore 20:30 | Economia - Aziende
di Andrea Galvani

La ripresa post Covid19. Francesco Buzzella: la responsabilità, la competenza e il sogno

“Dove ci sono regole e controlli è più difficile che ci sia il contagio”. Come spiega Francesco Buzzella durante la fase più acuta dell’emergenza sanitaria da Covid-19, l’industria ha saputo essere “un luogo sicuro”. Del resto “meno dell’uno per cento dei contagi è avvenuto all’interno delle aziende”. Azionista della Coim e presidente dell’Associazione provinciale degli industriali ringrazia “tutti quanti hanno contribuito alla continuità aziendale”, consentendo che arrivasse il cibo nei supermercati e il materiale sanitario alle strutture ospedaliere e residenziali.


Giovani ed Europa

Si dice convinto che il mondo del lavoro abbia fatto in pieno la propria parte. Una virtù del settore industriale che regalerebbe alla politica è “la responsabilità”. Vorrebbe che fosse “meno evanescente” e potessero crescere “competenza e meritocrazia”. Chi pagherà il conto più alto della pandemia sanitaria “saranno i giovani”, inseriti nell’ambito lavorativo “con contratti a termine ed interinali”. È una cosa che lo infastidisce molto, perché significa “togliere il sogno a chi si vuole sposare e costruire una famiglia”. Nel prossimi futuro si augura che “vi sia una riscoperta dell’importanza della comunità europea e degli Stati dell’Unione”. L’Italia dovrebbe concentrarsi su questo aspetto: “scardinare l’individualismo e diventare più nazione”.

3828

 La redazione consiglia:

rubriche - Medicina e salute
“Sono stato tra i pochissimi a non ammalarmi. E ancora non ho capito perché”. Lo dice con un filo di voce, quasi fosse una colpa. Con la mascherina appoggiata sulle labbra, le...
rubriche - Costume e società
Nonostante tutte le restrizioni e le preoccupazioni derivanti dal contagio, dal 27 febbraio fino a lunedì 18 maggio, don Emilio Lingiardi – parroco emerito della cattedrale - ha...
cronaca - Crema
Chiedono il riconoscimento della malattia professionale, l’adeguamento degli organici e degli stipendi, ora tra i più bassi d’Europa, l’infermiere di famiglia e un impegno...
rubriche - Costume e società
È passato un mese e sembra una vita. Il ‘coprifuoco’ scatta alle 18. Scandito dai rintocchi del Duomo (quanto ci mancano le campane a festa), in centro storico resta solo il rumore...
cronaca - Crema
Passati nell’arco di poche settimane da “eroi e angeli” a “dimenticati”, domani gli infermieri cremaschi parteciperanno al flash mob di protesta in programma per...
cronaca - Crema
Gli infermieri dell’Asst di Crema, nella giornata internazionale dedicata alla loro professione, si sono ritrovati in sala Polenghi ad ogni fine turno, tra le 10 e le 22. Particolarmente...
economia - Sindacati
Un Primo Maggio vissuto sotto la cupa coltre dell’emergenza sanitaria diventa occasione per ricordare il ruolo cruciale che la tutela del lavoro ha avuto e continuerà ad avere nel...
economia - Mercati
L’emergenza sta mettendo a dura prova tutti i comparti territoriali. Abbiamo accolto l’appello di alcuni dei commercianti del settore agroalimentare del centro storico di Crema:...
economia - Mercati
Stamattina ha finalmente riaperto il mercato di via Verdi. Una boccata d’ossigeno per gli ambulanti, anche se al momento solo quelli impegnati nel settore agroalimentare e una grande...
rubriche - Medicina e salute
In occasione della Giornata mondiale del donatore, Regione Lombardia, Src-Areu ed Avis danno il via al progetto di raccolta del plasma iperimmune per la produzione di immunoglobuline specifiche. Il...
cultura - Arte
La crisi provocata dal Covid-19 ha sensibilmente ridotto il nostro raggio d’azione. Seguendo lo spunto della Newsletter artistica della Pro Loco di Crema abbiamo deciso di raccontare...
speciale coronavirus la situazione del coronavirus in italia la situazione del coronavirus nel cremasco
Oggi al cinema
Eventi del giorno
libera associazione artigiani confartigianato

polocosmesi