03-02-2021 ore 14:34 | polocosmesi
di Lisa Dansi

Cosmesi. Automazione, obiettivo: migliorare i processi produttivi e la qualità del prodotto

Tra gli obiettivi primari dell’automazione industriale c’è quello di ottimizzare il processo produttivo con innumerevoli benefici sull’accuratezza, la precisione, la produttività e l’uniformità degli output. Nel mondo cosmetico l’obiettivo si declina in un imperativo “estetico”: la qualità del prodotto finale, per il settore, infatti è vitale. La perfezione delle finiture, della stampa, degli imballi - che devono essere rigorosamente senza graffi né pieghe - impone alle aziende di rivedere i processi produttivi per ridurre i margini d’errore, gestire tempi di consegna sempre più brevi e produrre in modo sostenibile. Molte aziende italiane hanno trasformato questa sfida nella propria mission ed hanno deciso di mettere al servizio dei clienti il proprio know-how e la propria tecnologia per migliorare i processi produttivi e la qualità del prodotto finale. È così che le aziende di prodotto e del packaging cosmetico trovano nelle aziende di automazione il partner ideale per dar vita a prodotti, belli e performanti, apprezzati in tutto il mondo.

 

Lorenzato

La mission di Lorenzato, azienda vicentina che produce stampi per polveri, presse e mulini, è quella di realizzare macchinari capaci di migliorare i processi produttivi e la qualità del prodotto. Per fare un esempio dell’impegno di Lorenzato in tal senso, possiamo citare la macchina per la stampa delle polveri 'extra pearl' e il 'mulino' per i processi di miscelazione delle polveri. La prima è una macchina che utilizza un sistema innovativo, detto 'a percussione', per ovviare all'annoso problema della rottura e fuoriuscita dei leganti, e conseguente spreco di materiale, nella fase di compattatura delle polveri. Con questo macchinario la qualità del prodotto finale è garantita, così come la scrittura e la tenuta del drop nelle prove di caduta. Un altro esempio significativo è quello del 'mulino' per i processi di miscelazione delle polveri. Le migliorie e innovazioni apportate dalla Lorenzato a un macchinario in questo caso già esistente consentono ora un processo di lavorazione in totale sicurezza di polveri di diversa consistenza, da quelle libere a quelle 'extra pearl', eliminando del tutto la necessità di ricorrere all'intervento manuale per la movimentazione.

 

Tapematic

Anche per Tapematic, azienda di Ornago (Mb) che progetta e sviluppa interamente in-house macchinari industriali di alta qualità per i settori cosmetico, beverage, automotive e farmaceutico, migliorare i processi produttivi e la qualità del prodotto finale sono obiettivi primari. E l’ultima novità sviluppata dall’azienda, IDM II, ne è la perfetta dimostrazione. IDM II è un sistema modulare in grado di realizzare in linea stampa a caldo, decorazioni laser e verniciatura UV senza dover spostare i pezzi manualmente e con la possibilità di personalizzare ogni oggetto grazie alla decorazione a dati variabili. Riducendo al minimo la manipolazione dell’oggetto nelle varie fase di stampa, IDM II consente di ridurre il margine d’errore. A vantaggio della qualità del prodotto finale. C’è di più. Un sistema modulare come IDM II permette di produrre in maniera più sostenibile - meno passaggi significano meno sprechi e maggiore efficienza – e al contempo garantisce massima flessibilità: grazie a questo sistema si possono creare soluzioni “custom” che rispondono alle necessità del singolo cliente.

762
speciale coronavirus la situazione del coronavirus in italia la situazione del coronavirus nel cremasco
Oggi al cinema
Eventi del giorno

SPAZIO ALLE ASSOCIAZIONI


polocosmesi confartigianato