01-10-2021 ore 14:30 | polocosmesi
di Lisa Dansi

Il Polo della Cosmesi presenta i nuovi trend del packaging: più easy, smart e intelligente

In attesa di vedere dal vivo le novità alla prossima edizione di Packaging Premiere, l’esposizione dedicata al packaging selettivo che si terrà a Milano dal 5 al 7 ottobre, abbiamo indagato quali sono i trend emergenti nel mondo del packaging. “Dall’Hyper Nesting che vede l’utilizzo colori pastello, dall’effetto candy e dal sapore nostalgico, si passa ad Alter Ego e alla celebrazione del binomio natura-tecnologia – racconta Alessia Auriemma, Founder di Visionary Lab e membro del Comitato Tecnico di Experience Lab - . Il packaging, che deve accompagnare una beauty routine più easy e smart, è “wise”, sostenibile e intelligente, dotato di QR Code per offrire all’utente tutte le informazioni di cui ha bisogno. L’ultimo trend, Neo Rebel Identity, che vede protagoniste soprattutto le generazioni più giovani, rompe con gli schemi e le regole del passato e punta ad attirare l’attenzione. Il packaging è all’insegna del ‘do it yourself’: personalizzato, componibile, inclusivo e studiato per suscitare la customer experience”.

 

Brivaplast: packaging belli e amici dell’ambiente

Sono all’insegna della riduzione degli sprechi e della funzionalità le ultime proposte di Brivaplast, dal 1966 punto di riferimento per le soluzioni applicative per il make-up. Da qualche anno l’azienda persegue un forte impegno verso la sostenibilità che coinvolge sia l’azienda e il processo produttivo, sia il prodotto. “This is my second life!, che comprende pack nel format “vendita” e “da viaggio” per mascara, eyebrow, eyeliner, correttori e prodotti labbra, è la nostra risposta alla domanda di sostenibilità del mercato cosmetico – spiega Andrea Vanoncini, Presidente Brivaplast USA - . I pack, che mostrano come sia possibile dare una seconda vita a materiali usati e scartati, sono decorati con un segno grafico fatto a mano libera che richiama la genuinità e l’atenticità della natura”. L’azienda lombarda ha appena lanciato il pack mascara con chiusura a click 1385, un altro bell’esempio di soluzione eco-friendly. “Il flacone – prosegue Vanoncini - è realizzato in HDPE PCR, un materiale che deriva dalla lavorazione di imballaggi riciclati di bevande come latte e succhi di frutta, certificato food contact, la cui produzione riduce del 78% l’emissione di CO2. Le capsule sono prodotte in PP PCR, un polimero ottenuto dal riciclo meccanico di rifiuti post consumo come imballaggi, bottiglie, coperchi e rifiuti urbani in generale. Il suo impiego permette di risparmiare il 74% di CO2 rispetto al PP vergine”.

 

Quadpack e il nuovo canvas Airless, versatile e sostenibile

Anche Quadpack, leader nella produzione e sviluppo di packaging per cosmetici, ha scelto di puntare di puntare sulla sostenibilità lavorando sul prodotto e sul processo. Fondata nel 2003, Quadpack si è trasformata in un’azienda globale con uffici in Europa, USA e Asia grazie alla capacità di unire flessibilità produttiva, sostenibilità e innovazione. Elementi che si ritrovano anche in CANVAS Airless: il nuovo airless realizzato ricorrendo alla bag-in bottle. “Bag-in-bottle è un’evoluzione della tecnologia di stampaggio per soffiaggio a bi-iniezione acquisita da Quadpack nel 2019 – spiega Pierre-Antoine Henry, Head of Market Development -. Sviluppato in collaborazione con il partner di R&S Inotech, questo processo a due fasi riduce gli investimenti e diminuisce notevolmente i tempi di sviluppo rispetto ai tradizionali airless su misura con sistema a pistone. Le preforme sono stampate a bi-iniezione nell’impianto manifatturiero airless di Quadpack in Germania, per essere poi soffiate nella forma desiderata in un’unica operazione nel luogo di vendita. CANVAS Airless® utilizza il 15% di plastica in meno rispetto agli equivalenti packaging airless con sistema a pistone e può essere realizzato con diversi materiali”. La gamma è realizzata di standard con una pouch in LLDPE e un flacone esterno in PET, entrambi materiali riciclabili.

1610