01-04-2023 ore 14:00 | confartigianato
di Giovanni Colombi

Confartigianato imprese Crema: entro il 30 aprile l'istanza 'saldo e stralcio' delle cartelle

È fissata tassativamente e non oltre al prossimo 30 aprile la scadenza prevista dalla Legge di Bilancio 2023 per poter presentare all’Agenzia delle Entrate-Riscossione la domanda di adesione relativa alla possibilità di sanare diverse tipologie di pendenze con il fisco.

 

La norma in questione, infatti, ha stabilito importanti novità in materia di riscossione ed ha introdotto per l’anno 2023 una serie di misure ribattezzate “tregua fiscale”, tra cui rientrano la “rottamazione quater” (o definizione agevolata), lo stralcio delle cartelle fino a 1.000 euro (fino all’anno 2015), e altre tipologie di chiusura debiti con il fisco.

 

Confartigianato imprese Crema, tramite la società di servizi Artigianservice Srl, ha attivato dallo scorso 3 febbraio un apposito “sportello” (referenti Ornella Aiolfi 0373-420030 e Monica Miano 0373-420037) a disposizione sia degli Associati che dei contribuenti in genere per la verifica preliminare delle posizioni e per la predisposizione dell’istanza di rateizzazione da inoltrare all’Agenzia delle Entrate-Riscossione.

 

Quali debiti rientrano nella “Rottamazione quater”

La “definizione agevolata” riguarda tutti i carichi affidati all’Agente della riscossione nel periodo ricompreso tra il 1° gennaio 2000 e il 30 giugno 2022 inclusi quelli:

- contenuti in cartelle non ancora notificate;

- interessati da provvedimenti di rateizzazione o di sospensione;

- già oggetto di una precedente “Rottamazione” anche se decaduta dalla misura agevolativa per il mancato, tardivo, insufficiente versamento di una delle rate del precedente piano di pagamento.

Le cartelle di pagamento previo accoglimento di apposita istanza, potranno essere definite senza corrispondere le sanzioni, gli interessi di iscrizione a ruolo e di mora oltre gli aggi di riscossione.

 

Come fare la domanda

Come anticipato in premessa, la domanda di adesione alla rottamazione quater va presentata entro il 30 aprile 2023 con apposita dichiarazione telematica all’Agenzia delle Entrate-Riscossione.

A seguito della domanda di presentazione l’Agenzia delle Entrate-Riscossioni entro il 30 giugno provvederà a dare comunicazione dell’accoglimento o del diniego dell’istanza.

 

Pagamenti della deifinizione agevolata

Le somme dovute a titolo di “definizione agevolata” possono essere pagate:

- in un’unica soluzione entro il 31 luglio;

- a rate (in un massimo di 18 rate di pari importo suddivise in 5 anni) con un tasso di interesse pari al 2% annuo.

 

Per quanto riguarda il pagamento rateale, è opportuno considerare che:

- la prima rata, prevista per il 31 luglio 2023, e la seconda rata, in scadenza il 30 novembre 2023, avranno importo ognuna pari al 10% del debito totale;

- le successive 16 rate, che scadranno sempre il 28 febbraio, 31 maggio, 31 luglio e 30 novembre degli anni seguenti, avranno pari importo tra loro e saranno maggiorate del 2% annuo con decorrenza dal 1° agosto 2023.

 

Importante

Per i contribuenti che aderiscono alla rottamazione di cartelle la cui rateazione è già in corso, i pagamenti sono sospesi fino al 31 luglio.

Alla data del 31 luglio, poi, si dovrà procedere a:

- saldare la prima o unica rata della rottamazione in caso di accettazione della domanda;

- riprendere il pagamento delle rate del precedente piano di rateazione in caso di mancato accoglimento.
 

Per maggiori informazioni e per appuntamenti, entro e non oltre il prossimo 14 aprile, è possibile contattare Ornella Aiolfi (0373-420030) e Monica Miano (0373-420037).

 

2535