01-04-2021 ore 14:23 | polocosmesi
di Lisa Dansi

Polo della Cosmesi. Speciale packaging, quando la parola d'ordine è sostenibilità

Il nostro viaggio alla scoperta del packaging cosmetico Made in Italy prosegue con la presentazione di due realtà diversissime tra loro, ma accomunate dall’impronta sostenibile: Zero In Pack, società nata come “costola” di Eurovetrocap e focalizzata nel packaging primario a basso impatto ambientale e Grafiche I.M.P , specializzata nel packaging secondario. La sostenibilità parte dalla scelta dei materiali da utilizzare – carta (ma non solo) per Grafiche I.M.P e vetro, plastica, alluminio per Zero In Pack - ma non si esaurisce con essa: la sostenibilità è intesa nella sua interezza di processo produttivo, come un percorso che inizia dalla scelta responsabile delle materie prime fino allo smaltimento del packaging a fine vita.

 

Zero In Pack: packaging a basso impatto ambientale

Zero In Pack è la società, nata come “costola” di Eurovetrocap, che offre solo packaging a basso impatto ambientale accompagnati da un’analisi dell’LCA, uno strumento sviluppato in collaborazione con il dipartimento green dell’Università Bocconi e basato su 16 parametri. Dietro Zero in Pack c’è un team di professionisti e manager del settore guidati da Giampaolo Herrmann, Direttore Generale e CEO di Eurovetrocap, che ha fatto della sostenibilità la propria mission. “Il progetto Zero In Pack è finalizzato a ridurre l'impatto sull’ambiente passo dopo passo. Quando studiamo o proponiamo un prodotto, lo paragoniamo sempre al suo predecessore e sempre ad un articolo di nostra produzione e ci poniamo l'obiettivo di spiegare al cliente in cosa e perché è migliore del precedente e come siamo stati in grado di ridurne l'impatto”, racconta Giampaolo Herrmann. La mission di Zero In Pack è offrire packaging per la cosmetica con il minor impatto ambientale, senza compromessi sulla funzione di protezione della formula – fondamentale in questo settore - e massimizzando la qualità percepita e l’esperienza d’uso. “L'offerta iniziale di Zero in Pack si basa su una gamma completa di articoli standard in vetro, plastica ed alluminio, dove viene privilegiato l'utilizzo di materie prime riciclate e dove la fase del fine vita del prodotto e il suo smaltimento giocano un ruolo chiave”, aggiunge Simon Silvano, Responsabile Marketing.

 

Grafiche I.M.P., dove creatività è sostenibilità sono di casa

Sostenibilità in primo piano anche da Grafiche I.M.P, dove il packaging secondario seduce e stupisce. Gli esempi di creatività in chiave green non mancano: da “Shades of Green”, palette 100% biodegradabile con la quale il cliente può decidere il grado di eco-sostenibilità, totalmente bio o versione graduale con finiture diverse ma sempre green, alle originali PR Box, richiestissimi scrigni in cartotecnica pensati per racchiudere prodotti di make-up e skincare destinati dai grandi brand ad influencer e opinion leader. La sostenibilità per Grafiche I.M.P non si traduce solo in materiali ecosostenibili e biodegradabili, o utilizzo di sostanze green, ma anche risvolti sociali. “Abbiamo recentemente ottenuto la certificazione FSC “Forest Stewardship Council”- spiega Francesca Moretti, Sales supervisor & accounting manager-. La finalità è quella di promuovere in tutto il mondo una gestione delle foreste e delle piantagioni che sia responsabile verso l’ambiente, socialmente vantaggiosa, che rispetti i diritti dei lavoratori e delle popolazioni locali e che sia allo stesso tempo economicamente sostenibile. Grafiche I.M.P. fa parte della catena di custodia di questi valori, ovvero garantisce il processo di rintracciabilità dei materiali, assicurando l’origine di carta e cartoncino acquistato da fornitori certificati FSC”.

652
speciale coronavirus la situazione del coronavirus in italia la situazione del coronavirus nel cremasco
Oggi al cinema
Eventi del giorno
libera associazione artigiani confartigianato

polocosmesi