31-01-2018 ore 10:25 | Cultura - Musica
di Lidia Gallanti

Collezione Anelli. Al Folcioni nasce la mostra permanente per gli artigiani del pianoforte

La città dell'arte organaria sarà la sede della collezione Anelli, dedicata alla storica ditta cremonese produttrice di pianoforti. Oggi pomeriggio è avvenuta la firma dell'accordo tra il Comune di Crema, la fondazione san Domenico e i privati promotori della mostra permanente, che troverà dimora presso la sede di via Verdelli, nell'attuale sala Cavalli.
 

Legame tra Crema e Cremona
Il presidente della fondazione Giuseppe Strada e l'assessore Matteo Piloni hanno sottolineato l'importanza del sodalizio tra Cremona e Crema, unite da una profonda tradizione musicale e artigianale. Un legame che affonda le proprie radici nella storia: "A fine ottocento il cremasco Giovanni Tamburini, fondatore della nota fabbrica organaria, aveva appreso il mestiere alvorando per la ditta Anelli, nella sede di Codogno" spiega il professor Fabio Perrone, docente universitario presso il dipartimento di Musicologia cremonese.

Pezzi unici per pianisti
Il primo nucleo dell'esposizione sarà costituito da tre pianoforti, a disposizione degli studenti e degli insegnanti del Folcioni. Il percorso sarà completato con elementi tecnici utili ad illustrare il processo produttivo del pianoforte. A ciò si aggiungerà il materiale documentario raccolto da numerosi collezionisti aderenti al progetto culturale. Tra questi si ricordano Ferdinando Giordano e Giancarlo Franchi, primi ideatori, cui sarà intitolata la raccolta cremasca. A breve l'inaugurazione con un concerto di apertura a cura dell'istituto musicale, cui seguirà una giornata di studi dedicata al'industria del pianoforte nell'Italia d'inizio Novecento.

Oggi al cinema