30-11-2014 ore 16:46 | Cultura - Teatro
di Rebecca Ronchi

Crema, Tres. Tutto esaurito al San Domenico per Galiena, Muniz, Massironi e Sandrelli diretti da Chiara Noschese

Il teatro San Domenico di Crema si presenta con un tutto esaurito all'attesissimo spettacolo di Chiara Noschese. La scena, dopo una lunga telefonata, si apre con tre amiche - inseparabili all'epoca del liceo - che si ritrovano dopo più di vent'anni, quando le loro vite hanno imboccato strade molto diverse.

 

Vite diverse

Marisa (Anna Galiena) è un’affermata conduttrice televisiva. Carlotta (Marina Massironi) ha divorziato da un marito che la tradiva, ha perso molti chili negli anni successivi alla scuola ed ora vive sola con il suo gatto, un affetto morbido, tiepido, sicuro. Angela (Amanda Sandrelli) ha da poco perso il marito e fatica a sbarcare il lunario. Ad unirle il fatto di non essere più giovanissime e soprattutto di non avere ancora avuto figli.


La notte folle

Nell'arco di una notte di bagordi, dopo aver indagato a fondo le rispettive solitudini, decidono di cedere al tempo che passa e studiano il metodo più indolore per procreare senza imbarcarsi in matrimoni o convivenze di sorta. Donne emancipate, non hanno alcuna intenzione di derogare all'assunto dell'indipendenza, pertanto di mettono a scandagliare i ricordi dell'adolescenza per trovare il donatore ideale, ovvero Alberto (Sergio Muniz).

 

Solitudine e maternità
La storia prosegue con levità e ironia, snocciolando battute a profusione per mantenere argomenti come la solitudine, la prostituzione, l'infedeltà e la maternità ad un livello gustoso e godibile, lontano mille miglia da toni paternalistici. Tres è una macchina comica, un intreccio di situazioni esilaranti e irriverenti, nata dalla prolifica penna di Juan Carlos Rubio, che in Spagna ne ha curato anche la regia. Lo spettacolo visto al San Domenico è divertente e anticonformista, con scene colorate e godibili ed un cast di grande affidabilità e talento.

613