24-02-2021 ore 16:25 | Cultura - Incontri
di Sara Valle

I luoghi della democrazia, gli studenti hanno incontrato gli eurodeputati Salini e Benifei

Un focus tutto dedicato all'Unione europea. Si può descrivere così il secondo incontro online del ciclo I luoghi della democrazia, voluto dall'Ufficio scolastico territoriale di Cremona. Oltre 200 studenti dell'Istituto Racchetti Da Vinci di Crema hanno potuto incontrare gli europarlamentari Massimiliano Salini e Brando Benifei per comprendere “il funzionamento del cuore della democrazia europea e dei tanti fili che lo legano ai singoli stati e all’Italia in particolare”. I due parlamentari hanno raccontato di come le attività del parlamento europeo siano rigorose nelle modalità di realizzazione e nelle tempistiche e di come queste chiamino in causa la buona preparazione di tutte le persone direttamente coinvolte nei lavori all’interno delle commissioni. In particolare nel corso dell’incontro è stato sottolineato come la possibilità di agire e di perseguire obiettivi sia davvero una variabile direttamente correlata con la preparazione dei singoli parlamentari.

 

La forza dell'Unione

Il dibattito si è acceso sul rapporto tra Unione europea e singole sovranità nazionali.“ Quando le singole nazioni arrivano preparate in Europa e quando possono contare su funzionari che portano avanti progetti in modo serio, allora si vedono tutti i vantaggi dell’essere membri dell’Unione Europea”. Così l'Unione diviene anche “fonte di modernizzazione e di razionalizzazione del paese. Essere parte dell’Unione, in altre parole, serve a fortificare parti di politica nazionale che, se l’Italia non fosse in Europa, sarebbero sicuramente più fragili”. Sul nuovo governo Draghi entrambi hanno confermato di aver accolto positivamente la notizia grazie alla statura, alle competenze e all’integrità morale riconosciute all’ex governatore della Banca d’Italia. Il prossimo incontro è in programma per venerdì 26 febbraio. Sarà dedicato al parlamento italiano con gli interventi di Claudia Gobbato, Luciano Pizzetti e Danilo Toninelli.

896