19-10-2014 ore 19:48 | Cultura - Libri
di Leonardo De Micheli

Crema, Caffè letterario. Lunedì 20 ottobre al San Domenico la presentazione del nuovo thriller di Sandrone Dazieri

Torna Sandrone Dazieri al Caffè Letterario. Lunedì 20 ottobre alle 20.45, il teatro San Domenico ospiterà lo scrittore cremonese per la presentazione del suo ultimo romanzo “Uccidi il padre”. Curerà l’intervista il docente cremasco Peppino Strada, preside dell’istituto “Pacioli”. Con l’ultima fatica, edita da Mondadori, Dazieri abbandona il noir metropolitano che lo ha reso celebre con il “Gorilla”, portato anche sul grande schermo, per cimentarsi in un genere nuovo come il thriller.

 

Un romanzo thriller

“Non è facile fare piena pulizia del proprio passato – spiega Dazieri - ma è un’esigenza che ho avvertito. Volevo rompere i legami con il mio passato letterario e misurarmi anche con un altro genere narrativo, che mi ha imposto un ritmo diverso, una misura più lunga, un rapporto diverso con i personaggi”. Protagonista del romanzo è la poliziotta Colomba Caselli, vittima di un grave problema che le impedisce di tornare in servizio. Quando il suo capo, il primo dirigente della squadra mobile di Roma Alfredo Rovere la chiama per risolvere un caso di cui solo lei si può occupare, inizialmente non vuole saperne di tornare al lavoro, ma poi cederà. Insieme a Dante Torre, che da bambino era stato rapito e rinchiuso in un silos per undici anni e ora soffre di claustrofobia, dovrà occuparsi della scomparsa di un ragazzino. Il romanzo è ambientato prevalentemente a Roma, ma non mancheranno scene in cui la storia si dipana tra Cremona e le campagne cremonesi, come spesso accade nei libri di Dazieri.

 

Gli sponsor del Caffè Letterario

La serata, durante la quale come da tradizione verranno offerti caffè e pasticcini a tutti i presenti, è organizzata dal Caffè Letterario, grazie al supporto di FormAzienda, Fondazione Popolare di Crema per il territorio, Banca Cremasca, Fapes di Sergnano, Comitato Soci Coop di Crema, la libreria “Il viaggiatore curioso”, Icas e il quotidiano “La Provincia di Cremona e Crema”.

378