15-03-2024 ore 10:38 | Cultura - Incontri
di Giulia Tosoni

Il calendario 'La moda che cura', per aiutare le donne caregiver a stare bene con se stesse

“Come faccio a prendermi cura di qualcuno se in primis non curo me stessa e soprattutto il mio progetto di vita? Come faccio ad amare mio figlio se mi sento sua ‘prigioniera’? Lui come fa ad accettare il perenne ricatto ‘ci sei grazie alle mie rinunce’? Entrambi siamo due persone distinte solidali, che si accettano e che condividono una vita familiare e sociale, ma per continuare ad essere il bene l’uno dell’altra dobbiamo innanzitutto essere il bene di noi stessi tu di te e io di me”. Dal pensiero di una mamma è nato il calendario “La moda che cura”, progetto che rientra nell’ambito della Festa della donna caregiver, presentato domenica 3 marzo a Crema.

 

La realizzazione del calendario

La presidente dell’associazione Diversabilità, Giovanna Barra ha raccontato: “condividendo questo pensiero con altri caregiver, nel giro di pochi giorni, abbiamo superato le 12 caregiver, il numero massimo di donne previste nel calendario. Alla realizzazione hanno partecipato tre atelier: Il setaccio, La casa di Ale e Barbara Montagnoli. Al progetto hanno deciso di aderire anche la Fondazione comunitaria della provincia di Cremona, Alba sas di Sacco, Garo Antincendio srl, Canzi Walter e La Parrukkeria di Alessio Resmini. Tutti uniti per supportare e sostenere le donne caregiver e con disabilità, ormai conosciute come le “invisibili”. 

 

Per le donne che 'si vedono bene'

“Il fotografo e amico Antonio Bonizzoni con tanta pazienza e professionalità è riuscito con i suoi scatti ad evidenziare le personalità e le sfumature delle donne caregiver – ha continuato la presidente Barra – il calendario è stato realizzato in tempi record per poter andare in stampa il prima possibile, perché il suo inizio è con il mese di marzo 2024. L’istituto Cr Forma ha dato una mano con il trucco e parrucco e Marisa Bellini ha realizzato il logo”. Giovanna ha concluso citando una frase di Giorgio Armani, pronunciata durante l’evento di domenica scorsa di Armani: “pensare alle donne che vogliono sentirsi bene negli abiti, in armonia col proprio viso e i propri pensieri senza esagerazioni inutili”. I calendari sono disponibili presso la libreria Mondadori di Crema in via Mazzini e presso i tre atelier.

1359