12-02-2024 ore 09:35 | Cultura - Manifestazioni
di Claudia Cerioli

Juvenes Translatores: Elisa Zucchelli dell'istituto Galilei di Crema vince il concorso europeo

La direzione generale della traduzione della commissione europea organizza il concorso Juvenes Translatores, un concorso per premiare i migliori giovani traduttori dell’unione europea. Il concorso si è svolto il 23 novembre 2023 simultaneamente in tutte le scuole partecipanti. Giovedì 8 febbraio si è tenuta la cerimonia di premiazione con un vincitore per stato dell’Unione Europea. Hanno partecipato oltre tremila studenti di 17 anni da 701 scuole europee. Tema di questa diciassettesima edizione è Il coraggio di fare la differenza. Per l’Italia ha vinto Elisa Zucchelli della classe quarta CB dell’istituto superiore Galilei di Crema.

 

Il team

Zucchelli Ha avuto la meglio su studenti di 76 scuole diverse. È stata seguita dall’insegnante Rita Giovanna Ogliari e sono stati coinvolti altri alunni:  Francesco Zaninelli e Giorgio Poli, Matteo Fornaro e Micol Nangeroni. rappresentante della rassegna in Italia Guendalina Carbonelli. Dopo aver attentamente esaminato tutte le prove pervenute dall'Italia, i traduttori della commissione europea hanno giudicato quella di Zucchelli la più accurata, scorrevole e creativa. La vincitrice sarà invitata a una cerimonia di premiazione, che si terrà a Bruxelles nella primavera del 2024.

 

Uniti nella diversità

Come tiene a precisare la dirigente scolastica dell’IIS Galilei Paola Orini: “la nostra è una scuola Epas ambasciatrice del parlamento europeo e promuove varie iniziative di cittadinanza attiva e di conoscenza di vari aspetti dell’Unione Europea. Nello specifico questo concorso promuove l'apprendimento delle lingue e la traduzione, per essere uniti nella diversità. Imparando le lingue ci si avvicina agli altri popoli e si capiscono meglio nuove culture. Per i giovani, gli adulti di domani, conoscere le lingue significa poter approfittare di tante opportunità di studio e lavoro in tutta Europa. Alcune ricerche evidenziano il crescente bisogno di traduzioni e traduttori in Europa, una tendenza di cui tener conto nella preparazione degli studenti”.

1966