07-12-2016 ore 10:26 | Cultura - Arte
di Tiziano Guerini

Collezioni private al teatro san Domenico. In 120 opere la prima metà del '900. Coinvolti gli studenti del Munari e del Racchetti

Collezioni private in mostra. Con questo titolo si apre domenica 11 dicembre, inaugurazione ore 17, alla Galleria di Arteteatro della Fondazione S. Domenico in piazza Trento e Trieste, una mostra di pittori operanti a Crema e nel territorio nella prima metà del '900. “L'idea – spiega il presidente della Fondazione Giuseppe Strada - è stata quella di aprire i tesori di pittura dei privati cittadini, le loro collezioni d'arte, per metterle in mostra per essere goduti anche dal pubblico più vasto. Tale è stata la risposta ottenuta che non una ma due mostre verranno organizzate: la prima tra dicembre e gennaio 2016/17 e dedicata alla pittura cremasca della prima metà del '900, cui seguirà una seconda mostra, presumibilmente per dicembre-gennaio 2017/18 dedicata alla seconda metà del '900".

 

Artistico e classico

L'organizzazione dell’evento, che ha coinvolto studenti del Munari e del Racchetti, è stata affidata ad un comitato scientifico coordinato dal professore di storia dell'arte Dado Edallo. All'interno del progetto di alternanza scuola-lavoro, agli studenti dell’artistico è stato affidato l'allestimento, mentre a quelli del classico, guidati dall'insegnante Rossella Dossena, è stata affidata la predisposizione delle schede degli autori, l’accoglienza e l’accompagnamento dei visitatori. Questi gli autori in mostra, aperta al pubblico fino al 22 gennaio 2017: Aldo Raglio, Carlo Martini, Marius Stroppa, Enrico Felisari, Amos Edallo, Carlo Casanova, Achille Barbaro, Tullio Bacchetta, Francesco Arata.

916