07-10-2020 ore 15:30 | Cultura - Manifestazioni
di Gloria Giavaldi

Fondazione San Domenico, presentata la nuova stagione teatrale per 'portare serenità'

“Venire a teatro è ancora bello e sicuro”. Con queste parole il presidente della Fondazione San Domenico, Giuseppe Strada spalanca le porte alla nuova stagione teatrale Intrecci +, teatro, musica e danza, graficamente curata da Giulia Ronchetti e presentata alla stampa oggi, mercoledì 7 settembre. Due gli appuntamenti previsti: Oblivion Rhapsody, con la regia di Giorgio Gallione, sabato 14 novembre alle ore 21 e Le allegre comari di Windsor, con la regia di Serena Sinigaglia, sabato 28 novembre alle ore 21. Biglietti posto unico al costo di 20 euro (più prevendita). Sono già attive le prevendite. Si possono acquistare biglietti online sul sito www.teatrosandomenico.com.

 

Portare serenità’

“Questa stagione è una prova” ha spiegato Strada. “La programmazione avviene di tre mesi in tre mesi, anche se abbiamo già incaricato il direttore artistico Franco Ungaro di prevedere la prossima stagione da febbraio, nella speranza che si possa fare”. Inseriti nel più ampio progetto presentato a Fondazione Cariplo Intrecci +, questi due appuntamenti intendono “portare nella vita delle persone un po’ di leggerezza e serenità, vale a dire ciò di cui ciascuno di noi ora ha più bisogno”.

 

Gli spettacoli

Graziana Borciani, Davide Calabrese, Francesca Folloni, Lorenzo Scuda, Fabio Vagnarelli, meglio conosciuti come gli Oblivion, porteranno sul palco del San Domenico “un gigantesco bigino delle performance più amate e imitate che parte dalle famose parodie dei classici della letteratura, passando per la dissacrazione della musica a colpi di risate, un viaggio che ripercorre anni di raffinate e folli sperimentazioni, senza soluzione di continuità”. Ironia e sorrisi assicurati anche con Le allegre comari di Windsor, con brani suonati e cantati dal vivo dal Falstaff di Verdi. Riadattato da Edoardo Erba, lo spettacolo con Mila Boeri, Annagaia Marchioro, Chiara Stoppa e Virginia Zini racconta le avventure di alcune donne e la capacità di Falstaff di “farle sentire ancora vive”, in uno scatenato gioco di immaginazione, desiderio e divertimento.

 

In sicurezza

Gli spettacoli si svolgeranno nel pieno rispetto delle normative vigenti. “Sono garantite la sanificazione degli ambienti ed il distanziamento sociale. Saremo rigidi affinché le persone possano rivivere la magia del teatro in sicurezza”. I posti disponibili saranno 200, verranno distribuiti a scacchiera e sarà obbligatorio indossare la mascherina.

677

 La redazione consiglia:

cultura - Arte
Il lockdown per il Coronavirus ha profondamente segnato l’attività culturale, ferma dalla fine di febbraio. Un blocco che ha riguardato il grande attore e il portantino, l’addetto...
cultura - Crema
Dopo il lockdown, il teatro san Domenico, l'istituto musicale Folcioni e la galleria arteatro sono pronti a ripartire con tanti appuntamenti pieni di danza, arte e musica. Si ricomincia...
speciale coronavirus la situazione del coronavirus in italia la situazione del coronavirus nel cremasco
Oggi al cinema
Eventi del giorno
libera associazione artigiani confartigianato

polocosmesi