05-11-2017 ore 12:37 | Cultura - Libri
di Juliao Vanazzi

Crema. Diastemata, ecco il primo romanzo di Sara Locatelli. Biblioteca civica gremita

Sala gremita per Diastemata, il primo romanzo della professoressa cremasca Sara Locatelli. La presentazione presso la biblioteca comunale di via Civerchi è stata arricchita dalla lettura di alcuni brani affidata all’attrice Rosa Messina. L'incontro con la giovane docente cremasca è stato moderato dal professor Vittorio Dornetti. L’opera tratta di tre donne - nonna madre e figlia - appartenenti a tre generazioni diverse, che si trovano a fare i conti con il proprio passato.

 

Romanzo al femminile

“Il racconto spinge il lettore a riflettere e ad ascoltare. Penso che sia proprio questo il bello di Diastemata. Al lettore - ha sottolineato Dornetti - non viene regalato nulla”. Ogni passo è una conquista, un raccordo con la propria esistenza. Ognuno ha la possibilità di trovare elementi della propria esistenza e quindi "misurare le proprie distanze" dalle cose e dalle persone. Tante le chiavi di lettura, nessuna scontata: “È molto importante capire che non si tratta di un libro femminista bensì di un romanzo femminile, nel quale si ritrovano filosofia e amore” ha concluso Sara Locatelli, lasciando ai lettori l’occasione e il gusto di scoprirne tutte le sfumature.

Versione pdf

 La redazione consiglia:

cultura - Libri
Diastémata è la distanza che intercorre tra due note, uno spazio impercettibile fatto di vibrazioni leggere, così sottili che rischiano di sfuggire all’udito e trasformarsi...