03-12-2014 ore 13:38 | Cultura - Danza
di Gianni Carrolli

Crema. La Cenerentola cremasca affascina il San Domenico. È un successo il balletto classico con Chiara Gasparini

Dopo  due  anni di assenza, la ballerina cremasca Chiara Gasparini e il Nuovo Balletto Italiano hanno incantato gli spettatori che numerosissimi, venerdì scorso, hanno potuto assistere al balletto classico Cenerentola di Sergej Prokofev,  portato in scena al teatro San Domenico.


Il balletto
L’autore, quando compose la musica per questo balletto, disse: “ciò che più mi preme di rendere con la musica di Cenerentola è l’amore poetico tra lei e il principe, la nascita ed il fiorire del sentimento, gli ostacoli su questa via, la realizzazione di un sogno. Ho cercato di far sì che lo spettatore non rimanga indifferente alla sventura e alla gioia”. Chiara Gasparini e tutto il corpo di ballo sono riusciti nell’intento, trasmettendo grande emozione, grazie alla bravura e  all’intensità espressiva con cui hanno saputo interpretare ogni momento del balletto.

 

La cura per i dettagli
Nulla nello spettacolo è stato trascurato: a partire dalla sapiente la coreografia di Giuseppe Protano fino ai costumi di scena. Particolarmente apprezzati dal pubblico i balletti d’insieme, e la leggiadria dei passi a due dei ballerini protagonisti assoluti: Cenerentola ed il principe, alias Chiara Gasparini e Marco Protano.

 

Il fine benefico
Non è da trascurare poi il fatto che lo spettacolo, che verrà replicato il 17 dicembre al teatro Regio di Parma, aveva uno scopo benefico: il ricavato della vendita dei biglietti, per espresso desiderio dela ballerina cremasca, socia del club Lions di Montechiarugolo,  verrà devoluto all’acquisto di un cane guida  per ipovedenti.

1057