02-12-2018 ore 15:29 | Cultura - Arte
di Alessio Rosin

Soncino, la storia nascosta. Sotto la Rocca sforzesca una struttura sconosciuta

Sarebbe una scoperta archeologica inedita il rinvenimento di una struttura nascosta sotto il primo cortile della Rocca di Soncino. La presenza di un gradino in pietra, in prossimità della muratura, rivela l'esistenza di un passaggio che un tempo conduceva sottoterra. L'apertura di questo varco, che consentirebbe di scoprire se tale ambiente sotterraneo sia ancora intatto oppure franato, è stata impedita dai costi esosi. “Prima dell'inizio dei lavori è necessaria una mappatura completa della Rocca - spiega Fabio Maestri, presidente di Castrum Soncini - secondo una stima approssimativa i costi potrebbero sfiorare i 50 mila euro”. Pare infatti che una dettagliata analisi della costruzione sforzesca non sia mai stata effettuata e l'ultimo rilievo architettonico, effettuato e pubblicato dall'architetto e storico dell'arte Luca Beltrami, risalga addirittura alla fine dell'800.

 

Ricerca, mappatura e finanziamento

La possibilità che la struttura nascosta possa essere ancora intatta solletica l'immaginazione di storici e appassionati, poiché potrebbe rivelare segreti rimasti celati per secoli. “Siamo già in contatto con la Soprintendenza dei Beni archeologici e delle belle arti - prosegue Maestri - ora l'obiettivo sarà trovare i fondi attraverso bandi o iniziative di privati”. L'associazione soncinese ha già iniziato il recupero del materiale custodito negli archivi comunali e, non appena l'Ispettorato di Mantova, Cremona e Lodi darà il via libera si potrà procedere con la mappatura. Il finanziamento rimane dunque l'ostacolo maggiore da superare ma il Castrum promette di non arrendersi e continuare a lottare per cercare di restituire a Soncino un altro importante pezzo della sua stessa storia.