01-12-2018 ore 15:02 | Cultura - Crema
di Ramona Tagliani

Crema. Allo stadio Voltini ricordati i quattro partigiani fucilati: 'sono martiri per la libertà'

Come ogni anno nei giorni scorsi sono stati ricordati con una cerimonia intensa, allo stadio Voltini di Crema dove sono stati fucilati dai fascisti, i quattro partigiani Luigi Bestazza, Ernesto Monfredini, Gaetano Paganini ed Antonio Pedrazzini. Oltre all’Anpi, alle forze combattentistiche del territorio, alcuni esponenti politici e semplici cittadini. Secondo il sindaco di Crema, Stefania Bonaldi, “abbiamo il dovere di chiederci quale sia il nostro personale contributo al progresso delle nostre comunità, al bene comune, alla democrazia e ai diritti, ai valori di libertà e di uguaglianza. Quale sia la nostra testimonianza, quali siano i nostri comportamenti individuali e collettivi”.


Degni del sacrificio

Dobbiamo chiederci cosa siamo diventati e se le tante opacità di oggi, le ingiustizie, gli autoritarismi, gli attentati ai diritti primari delle persone ai quali assistiamo non dipendano anche dalle pigrizie, dalle ritrosie, dall’individualismo, dall’anteporre sempre e comunque fatti ed interessi personali ad un impegno generoso e disinteressato per la cosa pubblica e per le persone. Chiediamoci oggi se siamo degni del sacrificio di quei moltissimi giovani per la Liberazione, tra i quali questi nostri martiri e se abbiamo tenuto fede agli ideali per i quali loro sono morti e abbiamo reso l'Italia il paese che essi sognavano”.

1049
speciale coronavirus la situazione del coronavirus in italia la situazione del coronavirus nel cremasco
Oggi al cinema
Eventi del giorno
libera associazione artigiani confartigianato

polocosmesi