30-11-2017 ore 14:27 | Cronaca - Comazzo (Lo)
di Riccardo Cremonesi

Fiume Adda, ritrovato il corpo senza vita del giovane sospettato dell'omicidio del padre

Verso le 12.30 di oggi nelle acque del fiume Adda, in territorio del comune lodigiano di Comazzo, è stato ritrovato il corpo senza vita di Alberto Hugo Begatti, il giovane ricercato da martedì scorso dalle forze dell'ordine e dalla protezione civile. L'uomo, 31 anni, è sospettato dagli agenti Questura di Milano di essere l'autore dell'omicidio del padre adottivo di 69 anni. 

 

Le ricerche ed tragico epilogo

Secondo quanto riferiscono fonti inquirenti, dopo l'omicidio avrebbe sigillato la porta della camera da letto con del silicone e appeso una scritta: “5 ottobre 1948, 11 novembre 2017”. Ha inviato una mail al veterinario di famiglia, chiedendogli di prendersi cura del loro bassotto e ha lasciato le chiavi di casa ed una lettera sotto lo zerbino. L'ultimo avvistamento domenica scorsa. Il segnale del suo cellulare è stato intercettato due giorni fa a Rivolta d'Adda. Poco dopo è stata rintracciata la sua auto e sono iniziate le ricerche. Oggi il tragico epilogo. Il secondo in pochi giorni per questa terribile vicenda.

Versione pdf

 La redazione consiglia:

cronaca - Rivolta d'Adda
Un uomo di 31 anni, residente a Milano ma originario del Cile, è ricercato nel territorio cremasco da polizia, carabinieri, vigili del fuoco e protezione civile. Alberto Hugo B....
Oggi al cinema