27-05-2024 ore 15:32 | Cronaca - Soresina
di Riccardo Cremonesi

Resistenza e lesioni a pubblico ufficiale, una donna di 40 anni finisce in carcere a Brescia

Il pomeriggio del 25 maggio i carabinieri di Soresina hanno arrestato una donna di 40 anni. Pregiudicata, dovrà scontare una condanna a un anno di reclusione. La condanna del tribunale di Cremona per resistenza a pubblico ufficiale e lesioni personali aggravate, reati commessi nel febbraio 2020 a Soresina, è divenuta esecutiva. All’epoca, nel tardo pomeriggio, insieme ad un uomo aveva rubato della merce in un supermercato.

 

Il furto

I militari li hanno riconosciuti dalle immagini registrate dalle telecamere del negozio. Li hanno trovati poco dopo nei pressi della stazione ferroviaria mentre consumavano cibo e bevande alcoliche. Quando i militari si sono avvicinati, i due, in evidente stato di ubriachezza, hanno impedito i controlli e hanno minacciato i carabinieri. I due hanno spintonato e aggredito i militari, prima di essere bloccati e ammanettati. Durante il trasferimento in caserma hanno continuato a minacciare i carabinieri, prendendo a calci le portiere delle auto di servizio.

 

La condanna

Tenuto conto che due militari avevano riportato lesioni giudicate guaribili in alcuni giorni, sono stati arrestati con l’accusa di resistenza e lesioni a pubblico ufficiale. Il giorno successivo la donna è stata condannata a un anno di reclusione. Ora la pena è divenuta esecutiva. Il provvedimento è stato inviato ai carabinieri di Soresina. La quarantenne è stata rintracciata e accompagnata al carcere di Brescia.

2749