26-05-2022 ore 15:27 | Cronaca - Italia
di Claudia Cerioli

Ricerca delle persone scomparse, nel 2021 presentate quasi 20 mila denunce

In occasione della giornata Internazionale dei minori scomparsi, il capo di stato maggiore della Guardia di finanza, Francesco Greco e il commissario straordinario del governo per le persone scomparse Antonino Bella, hanno sottoscritto un protocollo d’intesa finalizzato a consolidare la collaborazione istituzionale nelle attività di ricerca delle persone scomparse. L’iniziativa amplia le previsioni dell’intesa siglata nel mese di marzo 2021, per la condivisione di procedure di allertamento sul territorio, su richiesta dei prefetti, di unità del soccorso alpino della Guardia di Finanza (S.A.G.F.) e di aeromobili - ad ala fissa, rotante e a pilotaggio remoto - del corpo, da impiegare in attività di ricerca nelle zone montuose, non antropizzate o impervie.

 

Incontri per migliorare l’intesa

L’accordo raggiunto estende la collaborazione vigente prevedendo l’organizzazione di progetti formativi comuni, seminari, conferenze e workshop, promossi allo scopo di migliorare lo scambio di best practice e la condivisione di elementi di aggiornamento, derivanti dall’esperienza operativa sul campo. L’intesa s’inserisce nel solco di analoghe iniziative avviate da tempo dalla Guardia di Finanza, finalizzate ad ampliare i rapporti di collaborazione tra le autorità deputate alla ricerca e al soccorso, a salvaguardia della vita umana. La guardia di finanza esorta a non sprecare tempo in caso di scomparsa, ma di allertare immediatamente il 112.

 

Alcuni dati

Dai dati raccolti dal primo gennaio al 31 dicembre 2021 sono complessivamente 19269 le denunce presentate per scomparsa di cui 12117 relativi ai minori di 18 anni. I ritrovati sono 4952. Per quanto riguarda le motivazioni della scomparsa, nell'81,62 per cento dei casi, secondo quanto emerge dalle denunce alle forze di polizia, si tratta di allontanamento volontario. Il confronto dei dati dal primo gennaio al 30 novembre 2021 con quelli riferiti allo stesso periodo temporale degli anni 2020 e 2019 evidenzia che il periodo di riferimento è fortemente caratterizzato dall’emergenza sanitaria legata alla pandemia da Covid-19. Importante il ruolo della consulta nazionale per le persone scomparse istituita nel maggio 2019 come organismo per la collaborazione con le associazioni, che anche in quest'anno ancora condizionato dalla pandemia ha continuato a operare offrendo un contributo di conoscenza su un fenomeno che non riguarda solo individui e famiglie, ma è problema drammatico per tutta la collettività.

 

 

1509