25-10-2023 ore 20:00 | Cronaca - Milano
di Claudia Cerioli

Caritas: 'la lotta alla povertà inizia dalle scuole. I giovani la ereditano dalla famiglia di origine'

La delegazione regionale Caritas ha presentato, venerdì 20 ottobre, a Milano, il rapporto Pavimenti appiccicosi. La povertà intergenerazionale in Lombardia. È basato sull’analisi di dati ed esperienze riguardanti 1.700 beneficiari dei centri Caritas delle dieci diocesi lombarde. Il nodo principale: nella regione più ricca d’Italia permane una povertà intesa come destino, come qualcosa che si tramanda. È quanto ha dichiarato don Roberto Trussardi, direttore di Caritas Bergamo e delegato regionale. Per spezzare questa catena occorre potenziare le opportunità scolastiche, educative e formative, soprattutto in alcuni ambienti, come le periferie urbane. Provando a incidere sull’offerta di lavoro dignitoso, che possa realmente cambiare la loro vita.

 

Istruzione; occupazione; condizione economica

Per spezzare la catena della povertà intergenerazionale i soli aiuti materiali non paiono risolutivi, se non affiancati da accompagnamenti a lungo termine basati su relazioni di fiducia e dall’inserimento attivo delle persone in povertà nelle rispettive comunità. Ciò è fondamentale per superare la sfiducia nel futuro e la convinzione che un riscatto non sia possibile, che spesso attanagliano i poveri, orientandoli a uno stile di vita passivo, basato sull’assistenzialismo. Il confronto tra la condizione degli assistiti lombardi e quella delle loro famiglie di origine ha permesso di misurare il grado di mobilità intergenerazionale delle persone in stato di povertà, con particolare riguardo a tre dimensioni specifiche: istruzione; occupazione; condizione economica.

 

In povertà sei su dieci persone

Riguardo all’istruzione, i genitori degli assistiti Caritas in Lombardia si collocano su livelli formativi molto bassi. Nel lavoro si collocano per lo più nel gruppo delle occupazioni non qualificate. Ben due terzi ritengono di essersi impoveriti rispetto alla famiglia di origine. Quasi sei persone su dieci, insomma, risultano vivere una condizione di precarietà economica in continuità con la propria famiglia di origine. Ciò pone profondi interrogativi sulla capacità redistributiva e inclusiva, nel tempo, del nostro paese e della nostra regione. La seconda parte della ricerca presenta l’analisi qualitativa, che mette in risalto la stretta correlazione tra povertà e bassa scolarità, che limitano l’accesso al mondo del lavoro e impedisce di dotarsi degli strumenti per orientarsi nella complessità contemporanea.

 

Sfiducia nel futuro

Emerge la rilevanza della questione abitativa: tutte le persone incontrate vivono in una casa popolare, o hanno fatto domanda per averla. Più della metà degli intervistati svolge o ha svolto il ruolo di caregiver di un parente (genitori, figli) o di una persona cara malata; in questi casi, oltre alle difficoltà economiche entrano in gioco quelle dovute all’assenza o alla debolezza delle reti familiari ed extrafamiliari. Tra le cause che alimentano la trasmissione della povertà, vi sono la sfiducia nel futuro e la convinzione che un riscatto non sia possibile. Le persone che ‘ereditano’ povertà fanno fatica a fare progetti con l’obiettivo di migliorare la loro condizione sociale. Quindi, la catena intergenerazionale, in assenza di un’adeguata attenzione e di politiche conseguenti, rischia di perpetuarsi meccanicamente.

1905