24-02-2022 ore 10:10 | Cronaca - Dal mondo
di Andrea Galvani

Ucraina. Prima l'annuncio in tv e poi l'attacco russo. Vladimir Putin: ‘nessuno interferisca'

Alle 6 del mattino, ora di Mosca, Vladimir Putin è apparso in tv e annunciato l’attacco all’Ucraina. L’ha definita “un’operazione militare per proteggere il Donbass”, chiedendo “all’esercito di Kiev di consegnare le armi e andare a casa”. Putin ha assicurato di non voler occupare l’Ucraina di ma di voler “smilitarizzare e denazificare” il territorio: “Un’ulteriore espansione della Nato e il suo uso del territorio ucraino sono inaccettabili, mentre gli Stati Uniti rifiutano di trattare sulle nostre richieste di sicurezza”. Infine, il presidente russo ha sottolineato che “chiunque tenti di interferire con noi e ancor di più di creare minacce al nostro Paese, al nostro popolo, dovrebbe sapere che la risposta della Russia sarà immediata e porterà a conseguenze come non sono state sperimentate nella storia. Siamo pronti per qualsiasi sviluppo di eventi. Tutte le decisioni necessarie al riguardo sono state prese. Spero di essere ascoltato”.

 

Le reazioni

Unanime la condanna dell’Europa. Il presidente del consiglio, Mario Draghi, ha dichiarato che “il governo italiano condanna l’attacco della Russia all’Ucraina. È ingiustificato e ingiustificabile. L’Italia è vicina al popolo e alle istituzioni ucraine in questo momento drammatico. Siamo al lavoro con gli alleati europei e della Nato per rispondere immediatamente, con unità e determinazione”. La Borsa di Mosca è al meno trenta per cento, sono state sospese le operazioni. Come dichiarato dall’alto rappresentante Ue per la politica estera, Josep Borrell, in un punto stampa con la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, “l’Unione europea risponderà nel modo più forte possibile” con “il pacchetto di sanzioni più severo che abbiamo mai applicato”. Nel frattempo, alle ore 10, a palazzo Chigi si terrà una riunione del Comitato interministeriale per la sicurezza della Repubblica.

1445