22-02-2021 ore 20:00 | Cronaca - Pandino
di Andrea Galvani

Pandino. Quando l’amore di una vita intera è stretto all'interno della Sala degli abbracci

Un anno di attesa per poterla toccare. Per accarezzarla, prenderle la mano e darle un bacio. E nel frattempo ingannare l’ansia dell’attesa. Facendosi belli: un abito elegante, un foulard, una collana. Per il rispetto che si deve a se stessi e agli altri. Per il gusto di piacere alle persone amate. Anche se si è costretti a scambiare qualche parola separati da un telo di plastica. La nostra quotidianità è fatta di piccoli gesti; li diamo spesso per scontati, ma racchiudono un potere enorme. E appena li abbiamo persi ci mancano tremendamente, come non potessimo più farne a meno.

 

Il contatto, la vicinanza

Il calore e la forza racchiusi in una carezza riportano al sapersi prender cura degli altri, anticipandone i bisogni. Coltivando il gusto della reciprocità. Nel silenzio. Facendo parlare i nostri sensi. Il signor Manenti e sua moglie Maddalena a settembre festeggeranno 63 anni di matrimonio. Un’esistenza intera. Sono loro ad avere inaugurato la sala degli abbracci dell’ospedale dei poveri di Pandino. Sono loro il simbolo dell’inesauribile potere dell’amore. Dopo una decina di minuti il signor Manenti si preoccupa che non vi siano altre persone in attesa. Teme di togliere ad altri la possibilità d’incontrare una persona cara: una moglie, una madre, una sorella. Nei presenti l’emozione è evidente. Negli occhi dei due ‘sposini’ luccica la grandezza dell’insegnamento: la libertà di ognuno finisce dove inizia quella degli altri. E l’amore che si dona non sempre è uguale a quello che si riceve. Spesso si riceve molto di più.

 

Mezz’ora di tempo

Le visite dei parenti sono da oggi consentite mattina e pomeriggio dal lunedì al venerdì, al sabato solo la mattina. A disposizione una mezz’ora, alla quale vanno sottratti cinque minuti di preparazione e transizione. Le prenotazioni sono gestite dal servizio di animazione. Se la situazione Covid dovesse peggiorare il servizio si adeguerà finché possibile, altrimenti sarà sospeso.

2631

 La redazione consiglia:

rubriche - Medicina e salute
“Si parla spesso sui disabili, ma questi ragazzi hanno poca voce”. Perciò, in un mondo chiassoso e poco attento, spesso si rischia di non coglierne il sussurro. Di non comprenderne...
rubriche - Medicina e salute
Il perimetro dei servizi sociali evolve di pari passo con la comunità in cui opera, seguendo i bisogni delle persone, intercettandone le fragilità. Durante la prima ondata di Covid la...
rubriche - Medicina e salute
Un calvario iniziato l’11 marzo del 2020 con un malessere, seguito da una settimana di febbre e la decisione di recarsi in pronto soccorso. La lastra ai polmoni e la diagnosi di polmonite...
rubriche - Costume e società
Nonostante tutte le restrizioni e le preoccupazioni derivanti dal contagio, dal 27 febbraio fino a lunedì 18 maggio, don Emilio Lingiardi – parroco emerito della cattedrale - ha...
rubriche - Costume e società
È passato un mese e sembra una vita. Il ‘coprifuoco’ scatta alle 18. Scandito dai rintocchi del Duomo (quanto ci mancano le campane a festa), in centro storico resta solo il rumore...
rubriche - Medicina e salute
“Sono aumentate le richieste di sostegno per problematiche d'ansia soprattutto tra i giovani”. Maria Sangiovanni, coordinatrice del consultorio Kappadue con sede a Crema, spende poche...
speciale coronavirus la situazione del coronavirus in italia la situazione del coronavirus nel cremasco
Oggi al cinema
Eventi del giorno
libera associazione artigiani confartigianato

polocosmesi