19-11-2021 ore 15:30 | Cronaca - Crema
di Claudia Cerioli

Crema. Il convegno delle Caritas esorta alla fraternità: 'i poveri li avete sempre con voi'

Una ottantina di volontari delle Caritas parrocchiali sono convenuti sabato 13 novembre al centro giovanile san Luigi di Crema per il tradizionale convegno in occasione della quinta giornata mondiale dei poveri. Due i temi di riflessione proposti da Francesco Braghiroli, diacono e direttore dell’ufficio migrantes della diocesi di Reggio Emilia e Monica Tola, direttrice dell’ufficio innovazione e sviluppo di Caritas italiana. Il primo, sviluppando il tema “leggere la Parola con gli occhi dei poveri”, ha riferito alcune sue significative esperienze, attestando che “i momenti più intensi di annuncio ai poveri sono con gli ammalati e gli anziani, specie in questo periodo di pandemia”, piuttosto che con i carcerati o le ragazze vittime di tratta e che sono sulla strada, alle quali “offrire una opportunità di liberazione. “Sono questi – ha evidenziato – i volti concreti che ci rivelano il contenuto profondo della parola di Dio.”

 

‘È la fraternità che il povero cerca’

La seconda, affrontando il tema “Guardare il mondo con gli occhi dei poveri”, nel richiamare le parole di papa Francesco il giorno prima ad Assisi, ha puntualizzato che “se non siamo capaci di guardare agli occhi dei poveri, non saremo capaci di cogliere il loro sguardo sul mondo”. Ha quindi invitato i presenti a riflettere su “cosa vedono i poveri quando vengono in Caritas? Solo tanti prodotti di prima necessità o vestiario; oppure, mentre sono in attesa di entrare a prendere ciò di cui hanno bisogno, sentono vergogna. Perché prima devono raccontare la propria situazione a uno dei centri di ascolto e poi...“È la fraternità – ha sostenuto – che lo sguardo dei poveri cerca.” Ha fatto notare che il versetto di Marco “I poveri li avete sempre con voi” è “una promessa”, dalla quale parte “la via della creatività, non la nostra, ma quella dello Spirito: noi dobbiamo custodire la fraternità, che non fa giudicare e permette di osare”.

 

L’intervento del vescovo

Il vescovo Daniele Gianotti, nel fare sintesi della mattinata, s’è chiesto a sua volta: “Cosa vedono le persone quando vengono nelle nostre chiese, strutture, centri di ascolto... Abbiamo tutte quelle attenzioni che sarebbero necessarie?” Avendo trovato particolarmente suggestivo intendere la frase i poveri li avete sempre con voi “come una promessa”, ha evidenziato come “dai poveri siamo condotti alla realtà delle cose” e pertanto non si devono considerare “come un problema da risolvere, ma come fratelli da incontrare e abbracciare”. Dobbiamo essere noi ad andare a cercare i poveri. Questa dimensione deve essere fondamentale anche nella nostra pastorale".

461

 La redazione consiglia:

cultura - Incontri
Azioni di sostegno alimentare ed economico a persone e famiglie in condizioni di fragilità, un centro diurno per persone in condizioni di marginalità, attività di mediazione...
cronaca - Crema
Le castagne sul fuoco, la convivialità, il desiderio di donare e di ricevere. Il rifugio san Martino di via Civerchi, gestito dalla Caritas diocesana, mira ad offrire un riparo ai senza fissa...
speciale coronavirus la situazione del coronavirus in italia la situazione del coronavirus nel cremasco
Oggi al cinema
Eventi del giorno

SPAZIO ALLE ASSOCIAZIONI


polocosmesi confartigianato