17-08-2023 ore 09:17 | Cronaca - Dall'italia
di Riccardo Cremonesi

Carburanti: volatilità dei prezzi, proseguono in tutta Italia i controlli della Guardia di finanza

Il prezzo del carburante continua a crescere e la Guardia di finanza intensifica i controlli sulla trasparenza dei prezzi. Nei primi quindici giorni di agosto sono stati complessivamente effettuati 1.230 interventi, riscontrando irregolarità in 325 casi: 85 distributori in autostrada e 1.145 impianti sulla rete stradale. Sono state contestate 789 violazioni: 363 per mancata esposizione dei prezzi e difformità di quelli praticati rispetto a quelli indicati; 426 per inosservanza degli obblighi di comunicazione all’Osservaprezzi carburanti.

 

Il prezzo medio

Le Fiamme gialle proseguiranno coi controlli anche nei prossimi mesi. I prezzi devono essere esposti pubblicamente, attraverso apposita cartellonistica, insieme all’indicazione del prezzo medio, determinato su base regionale per gli impianti di distribuzione attivi sulla rete stradale ordinaria, mentre è calcolato su base nazionale per i punti di rifornimento in ambito autostradale. Le attività ispettive hanno l’obiettivo di “verificare il corretto assolvimento degli obblighi fiscali, il regolare funzionamento dei sistemi di erogazione e la qualità del prodotto venduto. Inoltre di acquisire elementi utili per accertare eventuali ipotesi di condotte lesive della libera concorrenza”.

 

Analisi di rischio

“I soggetti controllati – specifica la Guardia di finanza - sono accuratamente preselezionati attraverso un’analisi di rischio sviluppata a livello centrale dalla Componente speciale”. In base ai risultati, si procede a ulteriori approfondimenti, “realizzati mettendo a sistema il patrimonio informativo costituito dalle notizie assunte nell’ambito del controllo economico del territorio, quotidianamente posto in essere per garantire la sicurezza economico-finanziaria del Paese”.

3917