13-10-2021 ore 18:30 | Cronaca - Soncino
di Riccardo Cremonesi

Simula di essere stata derubata dell'incasso del negozio, denunciata una trentenne

“Simulazione di reato”. Con questa accusa i carabinieri di Soncino hanno denunciato una donna di 30 anni residente in provincia. Il fatto risale ai primi giorni di ottobre quando la trentenne, commessa di un esercizio pubblico di un centro commerciale, ha denunciato ai militari di aver subito un furto sulla proprio auto. Nello specifico ha raccontato di aver parcheggiato l'auto nei pressi di casa e che qualcuno, a causa del malfunzionamento delle chiavi dell'auto, ha aperto la portiera e le ha rubato lo zainetto con all'interno, oltre a portafoglio, chiavi, cellulare e capi di abbigliamento, una busta contenente la somma di 3 mila euro, corrispondente all’incasso di alcuni giorni di lavoro presso l’esercizio in cui presta la sua attività.

 

Il furto simulato

Le indagini avviate dai carabinieri per scoprire gli autori del furto hanno smentito quanto dichiarato dalla donna. Dalla visione dei filmati delle telecamere di videosorveglianza comunali è stato dimostrato che la giovane donna non ha mai parcheggiato l’auto nella via e negli orari riferiti nella denuncia. Inoltre, le testimonianze raccolto hanno rivelato che la donna non si era mai occupata dei versamenti dell’incasso dell’attività commerciale motivo per cui non era a conoscenza della procedura da seguire. Per questo motivo è stata denunciata per simulazione di reato.

1985
speciale coronavirus la situazione del coronavirus in italia la situazione del coronavirus nel cremasco
Oggi al cinema
Eventi del giorno

SPAZIO ALLE ASSOCIAZIONI


polocosmesi confartigianato