13-01-2018 ore 13:55 | Cronaca - Pianengo
di Riccardo Cremonesi

Pianengo, operaio arrestato con l'accusa di estorsione. In manette un uomo di 31 anni

I carabinieri del nucleo operativo di Crema hanno arrestato un uomo di 31 anni, operaio edile incensurato residente a Sergnano, con l'accusa di estorsione. L'indagine è stata avviata in seguito alla denuncia di un trentenne cremasco che, accompagnato dalla madre, si è recato in caserma affermando di essere stato minacciato dall'uomo.

 

Le indagini
Come spiega il maggiore Giancarlo Carraro, “Nonostante la riluttanza iniziale, il giovane ha confessato di essere un tossicodipendente e di avere un debito di 6 mila euro nei confronti dell'operaio, di origine straniera, cui non aveva pagato diverse dosi di cocaina. A fronte della mancata riscossione, l'estorsore l'ha minacciato di morte”.

 

L'arresto
Dopo una breve indagine gli investigatori hanno identificato il responsabile, e ieri pomeriggio sono scattate le manette. In accordo con i carabinieri, la vittima ha dato appuntamento all'estorsore in un parcheggio che si affaccia su via Roma, a Pianengo. Lì ha saldato il suo debito con l'operaio, che poco dopo è stato bloccato dai carabinieri e arrestato in flagranza di reato. Ora si trova in carcere a Cremona, a disposizione dell'autorità giudiziaria.

Versione pdf
Oggi al cinema