08-07-2024 ore 16:22 | Cronaca - Soresina
di Riccardo Cremonesi

Stalking a Soresina. Prescrizioni violate più volte, il giudice dispone gli arresti domiciliari

I carabinieri di Soresina hanno arrestato un uomo, con precedenti di polizia. Il giudice ha sostituito il divieto di avvicinamento, il braccialetto elettronico e l’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria per atti persecutori con gli arresti domiciliari,. “Due mesi fa – spiega il tenente colonnello Girardi – aveva ricevuto il divieto di avvicinamento per tutelare l’ex convivente, che per anni aveva subito ripetuti maltrattamenti e lesioni. Il provvedimento era stato preso dopo la denuncia dei primi giorni di maggio: in quei giorni la donna era stata disturbata di continuo, seguita, aggredita e minacciata di morte dall’ex compagno”.

 

Pugni

“Dopo tre anni di convivenza, aveva deciso di interrompere la relazione per i continui litigi sfociati talvolta in aggressioni fisiche. Complice la forte gelosia, l’uomo l’aveva spesso controllata negli spostamenti e nelle frequentazioni, anche con l’uso di sistemi informatici. E da quando lei lo aveva lasciato, l’uomo aveva continuato a perseguitarla per controllare dove andasse e chi frequentasse. All’inizio di maggio era stata colpita con pugni su tutto il corpo”.

 

Violazioni continue

“All’uomo era stato imposto di non avvicinarsi e di non comunicare con lei in nessun modo, applicando anche il braccialetto elettronico. In seguito gli è stato anche imposto l’obbligo di firma in caserma in giorni e orari prestabiliti, eppure non si è dato per vinto e aveva tentato più volte il contatto con la donna, recandosi nei luoghi da lei frequentati e passando spesso nei pressi della sua abitazione, facendo scattare l’allarme del braccialetto. Più volte non si è recato in caserma a firmare nei giorni e negli orari previsti”. Tenuto conto della costante trasgressione alle regole imposte e avendo dimostrato di essere insofferente alle prescrizioni dell’autorità giudiziaria, il giudice ha deciso di revocare le misure precedenti e ha disposto gli arresti domiciliari. Il provvedimento è stato eseguito dai militari di Soresina.

1734