06-06-2023 ore 17:23 | Cronaca - Verona
di Riccardo Cremonesi

Telemarketing selvaggio, confiscate banche dati a quattro aziende e multe per 1,8 milioni di euro

Per la prima volta sono state confiscate banche dati di call center e sono state sanzionate le società coinvolte. È in corso da questa mattina una vasta operazione condotta dai finanzieri del nucleo speciale tutela privacy e frodi tecnologiche di Roma in collaborazione con i militari del comando provinciale di Verona.

 

Le liste

Secondo gli inquirenti, “mediante acquisizione di apposite liste illegalmente prodotte”, le aziende “contattavano decine di migliaia di soggetti, senza che avessero mai rilasciato il necessario consenso per il trattamento dei propri dati a fini di marketing, proponendo offerte commerciali di diverse compagnie energetiche, giungendo anche a proporre, dopo poco tempo, passaggi inversi fra queste, al fine di accrescere le proprie provvigioni”.

 

Senza incarichi

I contratti così realizzati da alcune società veronesi venivano poi girati a due società toscane per l’inserimento nel database delle compagnie, “il tutto senza alcun formale incarico e in base a un sistema di distribuzione delle responsabilità in ambito privacy fittizio, meramente formalistico e con gravissime carenze nell’adozione di efficaci misure di sicurezza per la protezione dei propri sistemi”.

2252